Balòss e berechì

Balòss e berechì – Furbetto e Biricchino in dialetto bergamasco

Ci occuperemo ancora di un simpatico termine dialettale, il cui uso veniva riferito soprattutto ai bambini o a ragazzi particolarmente svegli, vispi e dotati di quella sana furberia infantile, si tratta del:

“balòss” o del “berechì”.

Dovrete convenire che già la pronuncia di questi termini suggerisce ilarità come quando si incontrano ragazzi con quella “cera dè balòss” o “co la cera dè berechì”.

I termini di cui sopra venivano a volte estesi anche a persone adulte, allora il significato risultava un po’ meno simpatico in quanto si intendeva una persona a metà strada fra l’imbroglione, il furbacchione e il truffatore.

Il truffatore che spesso abusava della buona fede della gente semplice, in particolare, veniva spesso definito “braghèr”, la cui capacità di creare imbrogli e truffe era a livello di codice penale.

Tant’è vero che su questa traccia vi è il detto:

“Balòss, braghèr e canàe, s-cioma de l’infèrno” (furbacchioni, imbroglioni e canaglie, schiuma dell’inferno).

Giuliano Tedeschini

[amazon_link asins=’127866775X,8877664460,8877666161,1248465849′ template=’ProductCarousel’ store=’wwwvivereberg-21′ marketplace=’IT’ link_id=’1642afc6-cd31-11e7-a977-3b483f857941′]

Scrivi Recensione

commenti

Richiedi info