Auguri di Santa Lucia con Luciano Ravasio

12 dicembre 2014 Musica e Poesia Bergamasca0

Schermata 2014-12-12 alle 13.04.52

Tratto dal cd L’è sà Nedàl (dicembre 2010)

Stassira l’aria l’è piena de magia
perché stanòcc la passerà santa Lucia,
sura l’asnì che l’vula come ön aquilù
la é zó del cél coi sò regài e coi bumbù,
però ai s-cetì che per spiàla i dórma mia
la böta sènder in di öcc quando la rìa.
I cantilene i dis che lé la vien di notte
coi stèle söl vestìt e i scarpe töte róte,
i chièi i è bióncc e la gh’à dét di öcc gran bèi
inemuràt ol re l’à ülìt chi du gioièi;
e la sò nòcc l’è la piö lónga che ghe séa
perché m’gh’à l’ampia de spetà santa Lösséa..
Santa Lösséa, mama méa
co la borsa del papà,
santa Lösséa la egnerà
la egnerà söl mé balcù a portàm ü bel turù…
Santa Lucia la m’à tradìt in piö ocasiù
a mé du aràns ai siòre i scarpe del balù
e ün an pò a mé per incontrala ó mia durmìt
ó fàcc ü sògn tat bröt che m’só troàt pentìt:
istèss de quando che l’te lassa ol prim amùr
te par che al mónd gh’è ‘n giro adóma di impustùr…
Santa Lösséa stassira turna a la me cà
traestida come la mé mama, stèss de chèla ólta là;
fàs mia problemi ormai a zöghe piö al balù
me se contente d’ü fich d’àsen del carbù.
Sté rime dólse e amare i è öna leterina
i à scrice ü nono ma te dàga ön’ogiadina.
Santa Lucia, mamma pia metti un dono in scarpa mia;
e co l’asnì, tròta e galòpa coi sachèi pié de regài che lü l’ pórta sö la gròpa.
Adèss l’è nòcc la sènt de mél la nostalgia…
a l’è ü bumbù che m’à portàt Santa Lucia.

TRADUZIONE
Stasera l’aria è piena di magia
perché stanotte passerà Santa Lucia,
sopra l’asinello che vola come un aquilone
scende dal cielo coi suoi regali e con i dolciumi,
però ai bambini che per spiarla non dormono
butta cenere negli occhi quando arriva.
Le cantilene dicono che lei viene di notte
con le stelle sul vestito e le scarpe tutte rotte,
i capelli sono biondi ed ha gli occhi molto belli
innamorato il re ha voluto quei due gioielli,
e la sua notte è la più lunga che ci sia
perché abbiamo l’ansia di aspettare S. Lucia.

Santa Lucia, mamma mia
con la borsa del papà,
Santa Lucia arriverà
verrà sul mio balcone
a portarmi un bel torrone.
Santa Lucia mi ha tradito in più occasioni
a me due arance ai ricchi le scarpe del pallone
e un anno anch’io per incontrarla non ho dormito
ho fatto un sogno tanto brutto da trovarmi pentito:
proprio come quando ti lascia il primo amore
ti sembra che al mondo ci siano solo impostori.
Santa Lucia stasera torna a casa mia
travestita da mia mamma, come quella volta là;
non farti problemi ormai non gioco più al pallone
mi accontento di un fico d’asino, del carbone:
queste rime dolci e amare sono una letterina
le ha scritte un nonno, ma tu dacci un’occhiatina.
Santa Lucia, mamma pia
metti un dono in scarpa mia,
e con l’asinello trotta e galoppa,
con i sacchi pieni di regali
che lui porta sulla groppa.
Adesso è notte, sa di miele la nostalgia…
è un bombon che mi ha portato Santa Lucia.

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.