Visita alla Villa cinquecentesca dei Tasso e laboratorio di autocostruzione di corni da caccia e pastore

Prosegue il “Festival del Pastoralismo”, organizzato per il terzo anno consecutivo a Bergamo, rassegna dell’omonima Associazione con la collaborazione del Comune di Bergamo e il contributo della Fondazione della Comunità Bergamasca. Una serie di eventi dedicati alla pastorizia si articolano in varie sedi della città di Bergamo  lungo i mesi di ottobre e novembre.
Transumanza a Bergamo Alta

Transumanza a Bergamo Alta

Sabato 12 novembre alle 14:00 presso la Villa Tasso in Piazza Alpi Orobiche, 4 a Bergamo si svolgerà il Laboratorio di autocostruzione di corni da caccia e pastore a cura dell’etnomusicologo Giovanni Mocchi (prenotazioni e informazioni al cell. 3284819895) con visita alla Villa cinquecentesca dei Tasso.

Prima di entrare nei particolari della giornata di 12 novembre facciamo una sintesi degli eventi della settimana in corso. Iniziamo con Sabato 29 ottobre un gregge di 300 pecore ha transumato lungo le Mura venete di Città alta fino ad Astino, domenica 30 nel Prato della Fara si è svolta l’Esposizione di capre biodiverse di Lombardia (www.capre.it) e in Piazza Mascheroni lo chef stellato Lorenzo Ferretti, giunto appositamente da Teramo, ha cucinato per  lo street food dedicato alla capra.

Il fitto programma ha già visto lo svolgersi, nell’ambito di Bergamoscienza, della Mostra Capramica, dedicata alla storia della simbiosi, spesso amichevole e non solo utile, tra uomo e capra, tra i primi animali soggetti a domesticazione e tutt’oggi preziosa risorsa in svariati campi, che vanno dall’alimentare alla moda. Una mostra che si sviluppa dal 4 al 27 novembre in tematiche più ampie ed approfondite con il titolo di “La vacca del povero”. La capra nella storia della società e della cultura’  (venerdì, sabato e domenica presso la Sala ex Ateneo, in Piazza Duomo, orari 10:00-12:00 e 14:00-18:00). Nell’ambito della mostra sono organizzati, al sabato alle 17:00 (tranne uno la domenica 20 novembre alle 16)  diversi incontri con autori di libri e racconti video.

donna-pastore

Il primo si è svolto sabato 5 novembre sul tema delle donne pastore con un “assaggio” della videoinchiesta di Anna Kauber che sta girando l’Italia per raccontare l’altra metà del cielo del pastoralismo e dell’allevamento ovicaprino. Sabato 12 novembre, sempre presso la mostra sulla capra sarà presentato il romanzo “Chiara cantante e le altre capraie”. Una saga di donne strette tra la montagna e il cielo ambientata in un’aspra valle del Canton Ticino (con recitazione di brani e l’incontro con l’editore, il ruralista Massimo Angelini).
Alla bibliosteria di Cà Berizzi proseguono gli incontri sulla cucina contadina e pastorale. Venerdì 11 sarà la volta della montagna ligure. Ai fornelli la signora Garibaldi, 80 anni, già cuoca presso una trattoria tipica che farà conoscere ricette molto diverse dalla “cucina ligure” ad uso turistico. La stessa sera (c’è l’imbarazzo della scelta) si proietta alle 20.30 presso la sala del Seminarino in via Tassis 12 a Città alta il film “Storie di uomini e lupi”. Un film-inchiesta che ha raccolto le testimonianze dei due “partiti” (ambientalisti e pastori) e che si presta ad una discussione interessante su un tema molto caldo. Sarà presente il regista Alessandro Abba Legnazzi e alcuni dei pastori intervistati nel film.

vittorio-pozzi-urgheni

I prossimi appuntamenti di carattere laboratoriale impegnano i partecipanti nella costruzione di strumenti tipici della civiltà pastorale, alcuni sono dedicati alle scuole, altre al pubblico.
Tornando all’appuntamento di Sabato 12 novembre , vi ricordiamo che in collaborazione con l’Associazione “Nel nome dei Tasso” alle 14:00 presso la Villa Tasso in Piazza Alpi Orobiche, 4 a Bergamo si svolgerà il Laboratorio di autocostruzione di corni da caccia e pastore a cura dell’etnomusicologo Giovanni Mocchi (prenotazioni e informazioni al cell. 3284819895) con visita alla Villa cinquecentesca dei Tasso. I partecipanti apprendono le tecniche di produzione del suono, costruiscono il proprio corno sul modello di cacciatori, marinai, cavalieri e pastori del XII-XV sec., ed imparano alcuni segnali codificati. Gli strumenti di lavoro sono messi a disposizione dall’organizzazione. Aperto a qualsiasi età, anche minori se accompagnati, il laboratorio consente di trasformare corni bovini grezzi tra i 40 e i 60 cm e conchiglie in corni da segnale.

stambecco9-copia

E’ consigliabile portarsi un seghetto da ferro e guanti da lavoro. La partecipazione è gratuita. In mattinata il laboratorio si svolgerà specificatamente per gli studenti presso la scuola Rodari di via Silva.
Sempre per le scuole, presso la scuola Rodari di Via Silva, Rino Pozzi, suonatore di tradizione e costruttore di Urghenì, terrà una serie di incontri dal titolo ‘I flauti di Pan di tradizione lombarda’ per insegnare ai ragazzi le tecniche costruttive ed esecutive di questo antico strumento popolare.

Scrivi Recensione

commenti

ArabicChinese (Traditional)EnglishFrenchGermanItalianRomanianRussianSpanish
No announcement available or all announcement expired.
Info