Proverbi del mese di Novembre

Proèrbe del mis de Noèmber – Proverbi del mese di Novembre

A noèmber a fa zó mèlga e copà porsèi, ‘nfina a chi bröcc i deènta bèi.

A novembre a sgranare granoturco e ammazzare maiali, pure quelli brutti diventano belli.

A sant’Andréa de la barba bianca, i è rar i agn che la manca.

A sant’Andrea della barba bianca, sono rari gli anni in cui manca (la neve).

A santa Caterina, la aca a la cassina.

A santa Caterina la mucca deve trovarsi alla cascina.

A santa Caterina, o niv o frècc o brina.

A santa Caterina, o neve o freddo o brina.

A santa Caterina, ol sul l’ salüda e l’ camina.

A santa Caterina, il sole saluta e scompare.

A san Martì, l’ se spusa i poarì.

A san Martino si sposano i poveri.  (Il periodo più indicato per il matrimonio era san Martino perché erano terminati i lavori dell’annata agricola e la gente disponeva di un po’ di denaro).

A san Martì, ol móst l’è deentàt vì.

A san Martino il mosto è diventato vino.

A san Martì, stòpa ‘l tò ì; a Nedàl, comènsa a tastàl.

A san Martino tappa bene nella botte il tuo vino; a Natale incomincia ad assaggiarlo.

Ai mórcc e ai sancc, i va ‘n césa po’ i brigàncc.

Per la ricorrenza dei morti e dei santi, vanno in chiesa anche i briganti.

Al mercàt de töcc i sancc, s’ paga i dèbecc de töt ol an.

Al mercato di tutti i santi si pagano i debiti di tutto l’anno.

Al tridüo di mórcc, tich, tuch, tach… la ragia l’è söbet ‘impissàda.

Al triduo dei morti, in un lampo la raggera è accesa (Gandino)..

Chi che stóngia a san Martì, a i guadagna pa e ì.

Chi pota a san Martino, guadagna pane e vino.

Dopo san Martì, l’erba l’è del bezì.

Dopo san Martino, l’erba è dell’agnellino.

La stagiunina de san Martì, la düra trì dé e ü falì.

L’estate di S. Martino dura tre giorni e un pochino.

Niv novembrina, màder e madrégna.

Neve di novembre, madre e matrigna.

Per la fèsta de töcc i sancc, s’ tira fò mantèi e guànc.

Per la festa d’Ognissanti si mettono in uso manteli e guanti.

San Martì l’ ghe n’ dà ai sciòr, e l’ ghe n’ tö ai poarì.

San Martino dà ai ricchi e toglie ai poverelli.

San Martì, l’è chèl di regalì.

San Martino e quello dei regali (Leffe).

Santa Caterina, la pórta la scaldina.

Santa Caterina porta lo scaldino.

Se a sant’Andréa no la egnerà, a sant’Ambrös no la falerà.

Se la neve non arriva a Sant’Andrea, non mancherà a sant’Ambrogio (8 dic).

Se i mórcc i vé co i pé söcc, i va co i pé bagnàcc; s’i vé co i pé bagnàcc i va co i pé söcc.

Se i morti vengono con  i piedi asciutti, vanno con i piedi bagnati (con la pioggia); se vengono con i piedi bagnati, se ne vanno con i piedi asciutti.

Se la nòcc de santa Illüminada, ol cél l’è töt seré, ‘l invèren a l’ sarà bröt assé; se la nòcc de santa Illüminada ol cél l’è tö iscür, l’invèren a l’ sarà mia dür.

Se la notte di santa Illuminata il cielo è tutto sereno, l’inverno sarà molto brutto; se la notte di santa Illiminata il cielo è tutto coperto, l’inverno sarà mite.

Scrivi Recensione

commenti

SPONSOR di Leffe – Vuoi sostenere la pagina del tuo comune?

INFORMAZIONI

Macchine Cucire LeffeGelateria Leffese LeffeErboristeria I Semplici LeffeHigashi scarichi Moto LeffeBearings Ferramenta Industriale LeffeZeca Giocattoli Casalinghi LeffePasticceria Bedetti LeffeCalzature Petral Sport LeffeBibite e Vino LeffeGioielleria Pezzera LeffePalazzi Fiori e  Piante LeffeFerramenta Bosio LeffeManutenzione Giardini Fiorista Picinali LeffeStudio Tecnico Castelli LeffeDove andare LeffeInformazioni LeffeNotizie Leffe Info Leffe Storia LeffePersonaggi Leffe Numeri Utili Leffe Curiosità Leffe Popolazione Leffe Frazioni Leffe Vivere Leffe Informazioni Turistiche Leffe Leffe Comune Leffe Informazioni Leffe Paese Leffe Fotografie Immagini LeffeLeffe FotografieFoto LeffeEventi LeffeScuole LeffeAssociazioni LeffeHotel LeffeDove Dormire LeffeOggi LeffeDove Mangiare LeffeDove Mangiare LeffeDove Mangiare LeffeDove Mangiare Leffe Dove Mangiare Leffe
×