Proèrbe del mis de Setèmber – Proverbi del mese di Settembre in Bergamasco

Proèrbe del mis de Setèmber – Proverbi del mese di Settembre in Bergamasco

Se l’ piöv a san Gorgòne, töt utùer l’è ü demone.

Se piove a san Gorgonio, tutto ottobre è un demonio (brutto tempo).

Quando l’ piöv ol dé de san Gorgòne, a l’ piöv per töt ‘l ötörno.

Quando piove il giorno di san Gorgonio, piove per tutto l’autunno.

A san Maté, aqua denàcc o de dré.

A san Matteo acqua o prima o dopo.

A san Maté, la castègna la à o la é.

A san Matteo la castagna o si forma o va a male.

A san Maté, ol durd l’è lé.

A san Matteo, il tordo è li che attende.

A san Maté, ol cassadür l’è prèst in pé.

A san Matteo, il cacciatore è mattiniero.

A san Michél, castégne a trè a trè.

A san Michele, castagne a tre a tre.

A san Michél, castégne sóta i pé.

A san Michele, castagne persino sotto i piedi.

A san Michèl, la merènda la cróda zó del cél.

A san Michele, la merenda cade dal cielo.

Braghe de tila e melù, de setèmber no i è piö bu.

Calzoni di tela e meloni a settembre non valgono niente.

I michì de san Nicóla a pöcc e a pöte i ghe fa góla.

I panini di san Nicola fanno gola a ragazzi e ragazze.

La lüna setembrina, sèt lüne la ‘ndüina.

La luna di settembre, indovina altre sette lunazioni.

Ol vènt de setèmber a l’ mangia la castègna e l’ biv ol vi.

Il vento di settembre mangia la castagna e beve il vino.

San Michél a l’ pórta ol candelér, San Giósep a l’ la ripórta ‘ndre.

San Michele porta il candeliere (dal cielo) san Giuseppe lo riporta indietro.

Se san Michél arcàngel a l’ se bagna i ale, a l’ piöv  ‘nfina a Nedàl.

Se san Michele arcangelo si bagna le ali, piove fino a Natale.

Setèmber cula piòmb.

Settembre scioglie il piombo.

Scrivi Recensione

commenti

Richiedi info