Proèrbe del mis de Mass – Proverbi del mese di Maggio in Bergamasco

Proèrbe del mis de Mass – Proverbi del mese di Maggio in Bergamasco

A san Bernardì, a l’ fioréss ol lì.

A san Bernardino il lino è in fioritura.

A ‘nda tri dé ‘n Rogassiù: formèt, melgòt, öa a muntù.

A seguire la processione per i tre giorni delle rogazioni, si ottiene in gran quantità frumento, granoturco, uva.

A san Pancràs, a l’ böta i fioràs.

A san Pancrazio si aprono i fiori (del lino).

Chi fa la murusa d’ l’Asènsa, dopo quaranta dè l’è sènsa.

Chi fa la fidanzata all’Ascenzione, rimane senza dopo quaranta giorni.

De mass a stàga dré ai caalér e al fé, la zèt l’è mai assé.

A maggio, per la fienagione e la bachicoltura, i lavoranti non sono mai sufficienti.

Fina ai quaranta de mass, no laga zó i tò strass.

Fino ai quaranta di maggio non toglierti i tuoi indumenti.

La tempèsta de mass, la rüina ‘l granàs.

La grandine di maggio rovina le granaglie.

Massöcc, pa per töcc; mass ortolà, tanta pàia e póch grà.

Maggio asciutto, pane per tutti; maggio ortolano (piovoso), tanta paglia e poco grano.

Òia o no òia, ol mis de mass böta la fòia.

Si voglia o no, nel mese di maggio spuntano le foglie.

Ol mis de mass no i döeréss pissà gna i cà.

Il mese di maggio nemmeno i cani dovrebbero pisciare.

Ol mìs de mass, l’è ‘l mis di àsegn.

Il mese di maggio è il mese degli asini.

Quando l’ piöv ol mis de mass, a l’ porta vià ‘l formét e l’resta lè ‘l granàs.

Quando piove il mese di maggio, porta via il frumento e lascia solo lo scarto.

San Felèp a l’ disìa a i fómne de Roma: “aqua ‘n bóca”.

San Filippo raccomandava alle donne di Roma: “acqua in bocca”.

Se l’ piöv ol dé  de Santa Crus, marse i castègne e büse i nus.

Se piove il giorno di Santa Croce, (saranno) marce le castagne e    avariate le noci.

Se l’ piöv per san Vitùr, la à mal a la aca a al pastùr.

Se piove il giorno di san Vittore, va male per la mucca e per il pastore.

Se ‘l piöv de l’Ascensiù, sö tri grè l’ ne cala du; se l’ fa sul o tira ènt, i tri gré i deènta sènt.

Se piove il giorno della Ascenzione di tre grani ne calano due; se fa sole o soffia il vento, i tre grani diventano cento.

Se l’ piöv de l’ Ascensiù töcc i fröcc i pèrd la sò stagiù.

Se piove il giorno dell’Ascenzione tutti i frutti spostano il tempo della maturazione.

Se l’piöv d’ l’Asènsa, s’ fa la endèmia co la brènta.

Se piove all’Ascenzione si vendemia con la brenta.

Se l’piöv ol dè d’ l’ Asènza per quaranta dè m’ sé piö sènsa.

Se piove il giorno dell’Ascensione, piove per altri quaranta giorni.

Se la castègna la fioréss a mass, a utuèr vaga sóta co ‘l sach; se la fiorés a zögn, vaga sóta co ‘l pögn.

Se la castagna fiorisce a maggio, a ottobre ti occorrerà il sacco (per la raccolta); se fiorisce a giugno basterà il pugno d’una mano.

Tempestada de mass, stagiù rüinada.

Grandinata di maggio, stagione rovinata.

Testi in bergamasco di Carmen Fumagalli Guariglia

Scrivi Recensione

commenti

Richiedi info