Proèrbe del mis de Fevrér – Proverbi del mese di Febbraio in Bergamasco

Proèrbe del mis de Fevrér – Proverbi del mese di Febbraio in Bergamasco

A la Madóna Candelòra, se l’ piöv o së l’ fiòca, del l’invèren a m’ sè fòra; ma se l‘ fa sul e l’ tira vènt,  per quaranta dé m’ turna dèt.

Alla festa di purificazione della Madonna, se piove o se nevica, si esce dall’inverno; ma si ritorna nel pieno dell’inverno se fa sole o tira vento.

A la Madóna Candelòra, se l’ piöv o së l’ fiòca, la cavra la bròca; se l’è seré o se l’ tira vènt per quaranta dé la turna dèt.

Se piove o nevica alla purificazione della Madonna, la capra incomincia a brucare; ma se è sereno o spira vento, per quaranta giorni rientra dentro (nella stalla).

A San Faüstì ol sul a l’bat sö ògne dosselì.

A San Faustino il sole batte su ogni poggio.

A san Matìa, la niv la à via.

A san Mattia, la neve si scoglie.

A san Valentì, la primaéra l’è visì.

A san Valentino la primavera sta per arrivare.

A san Valentì, l’ fioréss o’ spì.

A san Valentino fiorisce il rovo.

A san Valentì, töcc i osèi i fa ‘l nì.

A san Valentino, tutti gli uccelletti preparano il nido.

Fevrèr cört e maledèt: metà dóls e metà amarèt.

Febbraio corto ma maledetto: metà dolce e metà amaretto.

Fevrér l’è fiöl d’öna ferlòca: o che l’piöf o che l’fiòca.

Febbraio è figlio di una pazza: o piove o nevica.

Fevrér l’è ‘l mìs ch’i parla piö póch i fómne.

Febbraio è il mese in cui parlano meno le donne.

La nif de fevrér, la ‘ngrassa ‘l granér.

La neve di febbraio riempie il granaio.

Nif de fevrér, formét a stér.

Neve di febbraio, frumento a staia (in abbondanza).

Öna sigóla de fevrér, la ne àl ü pér.

Una cipolla di febbraio, ne vale un paio.

San Biàs a l’ te presèrve la góla da i rèsche de pèss e da töt ol rèst.

San Biagio ti preservi la gola dalle lische di pesce e da tutti gli altri malanni.

Santa Polònia co ‘n d’ü “gloria” i décc la te conserverà fina al mónd de là.

Santa Apollonia con un “gloria” ti conserverà i denti fino al mondo di là.

Se a la Madóna Candelòra gh’e seré, ol pastùr a l’cómpra ‘l fé; se gh’è nìol a l’ cómpra ‘l sìfol.

Se alla purificazione della Madonna è sereno, il pastore compera fie (perché il bestaiame dovrà stare ancora nella stalla), se è nuvolo, compera lo zufolo (perché presto potrà condurre il bestiame al pascolo).

Scrivi Recensione

commenti

ArabicChinese (Traditional)EnglishFrenchGermanItalianRomanianRussianSpanish
Info