Proèrbe del mis de Avrìl – Proverbi del mese di Aprile

Proèrbe del mis de Avrìl – Proverbi del mese di Aprile in Bergamasco

A la Domenica de Passiù, no s’ vèd piö gne Sancc, gne Madóne, gne Signor.

Alla Domenica di Passione, non si vedono più nè Santi nè Madonne, nè il Signore.

A la Setimana Santa töcc i ghe té a la buna üsansa.

Durante la settimana santa tutti osservano la buona tradizione.

A San Marc i caalér i va ‘n processiù.

A San marco i bachi da seta vanno in processione.

A San Marc ol caalér a l’ nass.

A San Marco il baco da seta nasce.

Avrìl a l’ ghe n’à trenta, se l’ piöèss trentü a l’ farèss mal a nissü.

Aprile ha trenta giorni, se piovesse trentuno non arrecherebbe danno a nessuno.

Avrìl a l’ góta ‘l barìl.

Aprile gocciola il barile.

Avrìl avrilèt, ü dé cóld ü dé frècc.

Aprile apriletto, un giorno caldo un giorno freddo.

Chi öl öna buna caalerada per San Marc la sées nada.

Se si vuole una buona riuscita dei bachi da seta, questi per San Marco devono già esere nati.

De avrìl a l’ böta i piante a’ sensa ulìl.

D’aprile germogliano le piante spontaneamente.

In avrìl öna buna aquada la val piö d’öna ‘ngrassada.

In aprile un buon acquazzone vale più d’una concimatura.

In avrìl töcc i àsegn i cambia ‘l pil.

In aprile tutti gli asini cambiano il pelo.

‘L’invernèl de san Zórs, prima o dòpo l’ fà ‘l sò córs.

L’invernello di San Giorgio prima o dopo fa il suo corso.

La rosada d’avrìl, la ‘mpienéss ól barìl.

La rugiada d’aprile riempie la botte.

L’ülìa no la lasse ‘n sagrestéa ma la pórte a cà méa.

L’olivo non lo lascio in sacrestia ma lo porto a casa mia.

Ol cöch a l’ dis: a l’ sèt de avrìl no ègne, al dessèt se pöde, al vintesèt sènsa fal.

Il cucolo dice: al sette di aprile non vengo, al diciassette se posso, al ventisette senza fallo.

Ol dé che l’ mör ol nòst Signùr, i bù cristià i fà ‘l disü.

Il giorno che muore nostro Signore, i buoni cristiani osservano lo stretto digiuno.

Ol gioedé sant a s’ liga i campane e s’ benedéss i öle sancc.

Il giovedi santo si legano le campane e si benediscono gli oli santi.

Ol prim de avrìl, a l’ fà cór i àsegn sènsa saìl.

Il primo di aprile fa correre gli asini senza che se ne accorgano.

Ol venerdè sant ol vì a l’ và ‘n tat sangh.

Il venerdi santo il vino si tramuta in altrettanto sangue.

Ol venerdé sant l’è ‘l dé che s’ pöl fà chèl che s’ völ.

Il venerdi santo è il giorno in cui si può fare tutto quello che si vuole.

Poerèta chèla pégra che ai gutù de avrìl l’è sènsa pil.

Poveretta quella pecora che ai goccioloni di aprile è senza pelo.

Primaéra tardìa, l’è mai falida.

Primavera in ritardo non arreca mai danno.

Se ‘l cöch no l’ canta ‘l vinte de avrìl, o l’è mórt o l’è ferìt.

Se il cucolo non canta per il venti di aprile, o è morto o è ferito.

Se l’ truna prima de San March, ‘l invèren a l’ se slónga d’ü bèl tracc.

Se tuona prima di san Marco, l’inverno si allunga di un bel po’.

Sö l’ülìa o sö ‘l öv,  a l’ piöv.

Sull’olivo (domenica delle palme) o sull’uovo (Pasqua) piove.

Sul, aqua o niv… la düminica de Passiù, chi de Léf  i pórta la Madunina, ‘n processiù.

(Che ci sia) sole, acqua o neve.. la domenica di Passione quelli di Leffe portano la (loro) Madonna in processione.

Zorzèt, Marchèt, Crüsèt: trì mercàncc de frècc.

San Giorgio(23), san Marco(25), santa Croce(3 maggio): sono mercanti di freddo.

 A l’ vègne Pasqua quando la gh’ n’ à òia: la é sèmper co’ l’èrba e la fòia

Venga pure Pasqua quando le aggrada, tanto vien sempre con l’erba e la foglia

La segónda de Pasqua töcc a mangià ciàpe de öv in campagna.

La seconda di Pasqua tutti a mangiare uova sode in campagna.

Nedàl al zöch, Pasqua al föch.

Natale al gioco, Pasqua al fuoco.

Pasqua ólta o bassa, semper fòia e frasca.

Pasqua alta o bassa, vi è sempre foglia e ramo fronzuto.

Quando ‘l piöv ól dé de Pasqua, töte i fèste i sguàssa.

Quando piove il giorno di Pasqua, tutte le feste (hanno) un acquazzone.

Ricerca di Carmen Fumagalli Guariglia

Scrivi Recensione

commenti