Preghiere Bergamasche

Preghiere Bergamasche

Le preghiere quotidiane recitate a memoria erano radicate nella religiosità della tradizione bergamasca sia negli adulti che nei bambini. Proviamo a scoprire qualche curiosità in proposito.

“Di sö ol Pàter” indicava in realtà la recita delle orazioni del mattino e della sera. Prima di andare a letto si recitava “ol Pàter” che cominciava così: “Signùr ve ringrassie dè ìm creàt, che m’ì facc cristià, conservàt in chèsto dé (chèsta nòcc): v’è préghe de dàm öna buna nòcc (giornada) in grassia òsta sènsa pecàcc” (Signore vi ringrazio di avermi creato, di avermi fatto cristiano, conservato in questa giorno – questa notte – vi prego di darmi una buona notte – giornata – in grazia vostra senza peccato), e si proseguiva con il Pater noster, il Credo, la Salve Regina, l’Angele Dei e qualche Requiem aeternam.

“Rangognà söl Pàter o tacàla söl Pàter”, vuol dire che il soggetto in questione ha da ridire su tutto, persino sulle preghiere, senza risparmiare di biasimare ogni cosa, insomma un rampino, un pianta grane.

Invece “saì ü laùr compàgn del Pàter” (sapere una cosa come il Pater) vuol dire conoscere quella tal cosa a menadito.

Ma la preghiera entrava anche nello scherzo come dimostrano queste rime leggere e un po’ scanzonate.

Sul Padre nostro: “Pàter noster có l’inciòster, cól botér, l’è pecàt a tö moér” (Padre nostro, con l’inchiostro, col burro, è peccato a prendere moglie – nella traduzione si perdono le rime).

“Pàter a la romana, quàter pégre sénsa lana, quàter cavre sénza cua, pensa bene all’anima tua” (Preghiera alla romana, quattro pecore senza lana, quattro capre senza coda, pensa bene all’anima tua).

Sull’Ave Maria: “Santa Maria Mater Dei, ciapa la scùa e fa cór i matèi” (Santa Maria Madre di Dio, prendi la scopa e fai scappare i ragazzi). “Santa Maria Benedèta, dàmen ön ‘otra fèta” (Santa Maria Benedetta, dammene un’altra fetta – di polenta).

Sull’Eterno riposo: “Rèchem etèrna, a laurà s’sa sdèrna, ó lauràt töt estàt, e só töt isdernàt” (l’eterno riposo, lavorare stanca, ho lavorato tutta l’estate, e sono stanco morto).

Su Gesù d’amore acceso: “O Gesù d’amùr acès, a robà m’séra in sés, a turnà m’ séra in du, perdunìm Signùr che siv issé bù” (O Gesù d’amore acceso, a rubare eravamo in sei, a tornare eravamo in due, perdonatemi Signore che siete così buono).

Scrivi Recensione

commenti

Aree di Bergamo

[logo_carousel_pro id="52501"]

RICERCA COMUNE [logo_carousel_pro id="51841"]

Bergamo è...

[logo_carousel_pro id="51797"]

Itinerari Bergamo

[logo_carousel_pro id="51609"]

Eventi Bergamo

[logo_carousel_pro id="51635"]

Dormire Bergamo

[logo_carousel_pro id="51701"]

Mangiare Bergamo

[logo_carousel_pro id="51728"]

Locali Bergamo

[logo_carousel_pro id="51748"]

Portali Vivere Bergamo

[logo_carousel_pro id="51758"]

ArabicChinese (Traditional)EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRomanianRussianSpanish
×