LO SPIRITO DEL PIANETA da venerdì 26 maggio fino all’11 giugno a Chiuduno

E’ l’unico festival indigeno in Italia, è a due passi da Bergamo, appena fuori dall’autostrada MI VE, per due settimane porta fuori da casa nostra storie, suoni, tradizioni affascinanti da tutto il mondo. E quest’anno il cast avrà al suo interno tutti gruppi che non hanno mai partecipato al festival e che per la prima volta si esibiscono in Italia. Si tratta della diciassettesima edizione di questo affascinante evento. Ricordiamo che la realizzazione degli spettacoli anche in caso di maltempo sarà garantita dalla presenza della struttura al coperto. Inoltre sarà possibile sostare presso il centro sportivo di Chiuduno (spazio adiacente al festival), con una tenda o un camper. Saranno messi a disposizione dei campeggiatori, bagni e docce per tutta la durata del festival.

Quest’anno il cast avrà al suo interno tutti gruppi che non hanno mai partecipato al festival e che per la prima volta si esibiscono in Italia. Il 2 giugno, per la festa della repubblica, una giornata tutta dedicata alla raccolta di fondi per Castel Sant’Angelo sul Nera (uno dei paesi colpiti dal terremoto) e per i suoi agricoltori, con la presenza degli assessori regionali della Lombardia all’agricoltura e all’ambiente. E una passeggiata da Bergamo a Chiuduno durante la quale si incontreranno i contadini della provincia bergamasca. All’interno del villaggio etnico (nel parco adiacente alla Fiera) laboratori di scultura un  accampamento medioevale – celtico, artigiani indigeni del Borneo Malese, indiani del nord America, laboratori musicali di un Griot del Senegal, Perù, Apache, laboratori di Shiatsu, telai per la realizzazione dei famosi tappeti dei Qashqai dell’Iran e molto altro ancora.

Tamburi Burundi

Tamburi Burundi

 Una mostra interattiva in cui, attraverso le foto dei 200 gruppi che hanno partecipato alle edizioni del festival, sarà possibile conoscere usi e costumi dei popoli indigeni (resa possibile grazie alla partecipazione di alcune scuole e licei della provincia di Bergamo con il progetto di alternanza scuola/lavoro). Moltissimi nuovi punti ristoro (messicano, brasiliano, eritreo) e all’interno del ristorante con la cucina tipica bergamasca, gruppi della tradizione locale suoneranno negli orari di pranzo e cena.

Un’aspetto molto importante del festival sarà il concetto NATURALMENTE con le 140 associazioni italiane che lottano per il rispetto e la tutela dell’ambiente e che organizzeranno un fitto programma di eventi e conferenze legate all’ambiente. “Nell’edizione 2016 avendo usato materiale in Mater-bi di mais, con piatti, bicchieri, posate e altro, sono riusciti a riciclare ben il 62% dei rifiuti. E quest’anno, con alcuni materiali riciclati, studenti del liceo artistico di Bergamo, realizzeranno delle sculture.

Spirito del pianeta

Spirito del pianeta

In questi 16 anni grazie a LO SPIRITO DEL PIANETA sono stati realizzati molti progetti culturali; in Burkina Faso e in Scozia. Hanno adottato bambini in Camerun tra i pigmei e in Messico tra gli Aztechi. Sono stati finanziati progetti umanitari come pozzi per l’acqua, dispensari medici e scuole tra I Maasai del Kenya, Ambulanze e materiali per laboratori di artigianato tra I Tuareg del Niger, e molti altri.

Sono stati adottati 12 bambini Pigmei nella foresta del Camerun, che anche quest’anno hanno avuto una casa dove vivere nutrirsi e studiare. E’ stata finanziata la prima scuola di tradizione nella foresta dell’Ecuador, dove gli anziani torneranno ad insegnare le antiche arti alle nuove generazioni, e un punto di incontro per tutti. Nell’ultima edizione del festival sono stati distribuiti oltre €80.000,00 ai gruppi invitati per supportare i loro progetti e a numerose organizzazioni del nostro territorio.

I protagonisti

Nuova Compagnia di canto popolare

Milladoiro

Dervish

Sharon Shannon

Saor Patrol

Ricordiamo anche i numeri: 250mila le presenze attese 17 giorni di musica, cultura, cibo e tradizioni 26 gruppi provenienti da tutto il mondo Oltre 150 espositori di artigianato da tutto il mondo (una fiera dentro il festival). Dal punto di vista dell’organizzazione gestire un flusso di 20mila persone e più al giorno, sia pur in una zona industriale alle porte di un piccolo paese di 5000 persone non è facile. Da anni LO SPIRITO DEL PIANETA si preoccupa in maniera amorevole di questo aspetto. Quindi, bus navetta gratuiti da piazza mercato (Malpensata) Bergamo, davanti alla stazione di Bergamo; e dalla zona industriale di Chiuduno (adiacente all’uscita autostrada A4 Grumello del Monte/Telgate). Ulteriori dettagli sul sito del festival.

I popoli e i gruppi invitati saranno

 

Nuova Compagnia di Canto Popolare

Gruppo Milladoiro Galizia Spagna

Gruppo Dervish Irlanda

Gruppo The Friel Sisters (Irlanda)

Sarawak Malesia

Sharon Shannon (Irlanda)     

Gruppo Tiharea dal Madagascar

Nativi americani; Incas, Aztechi, Apache

Caitlin nic Gabhann

Birkin Tree

Cornamuse Bagad Kiz Avel Strasburgo (Francia)

indiani Tsimshian del Nord America

gruppo Buriazia della Repubblica Russa

Saor Patrol dalla Scozia        

I tamburi del Burundi

Gruppo Qashqai dall’Iran

Coro Bulgaro accompagnato da gaite e danzatori

Gruppo U-SO norat (tamburi della Corea del sud)

Tribù Ainu dal Giappone

Trataburata

Lingaland

Giuseppe Festa

Attività parallele al festival

  Percorso sensoriale e mostra fotograficapresso il palazzetto con la presenza di un aborigeno australiano e musicisti del Sarawak – Malesia. Presso il palazzetto, saranno presenti oltre 140 associazioni legate all’ambiente con conferenze e seminari, chiamate “Naturalmente”. Gli anziani indigeni ospiti, ci insegneranno la loro cultura presso il parco. Ogni giorno saranno attivi numerosi laboratori per bambini e non solo. Alcuni artigiani tradizionali italiani, ci mostreranno le loro tecniche e realizzeranno alcuni laboratori per il pubblico sempre presso il villaggio nel parco. Preso il villaggio etnico, sarà presente un accampamento di artigiani in rappresentanza di molte culture Un importante rappresentante scultore Ainu del Giappone, realizzerà una tipica scultura. Una tenda servirà ai ragazzi del Liceo Artistico Manzù di Bergamo, per realizzare oggetti di riciclo. Ogni giorno sarà aperta una cucina regionale con 900 posti a sedere al chiuso con pizzeria. Saranno presenti numerosi ristoranti etnici nel piazzale esterno (Eritreo- Kebab- Brasiliano- Messicano -Hamburgheria – Vegano – Crepes – Piadine ria e Paella). Ogni giorno saranno presenti oltre 150 espositori con artigianato Ogni attività sarà garantita al coperto, gli spettacoli e le conferenze saranno tenute anche presso il palazzetto dello sport all’interno del centro.

  Presso il villaggio saranno presenti scultori e artigiani italiani, un accampamento medioevale – celtico e artigiani indigeni del Borneo Malese, indiani del nord America, laboratori musicali di un Griot del Senegal, Perù, Apache, laboratori di Shiatsu, telai per la realizzazione dei famosi tappeti dei Qashqai Iran, un artigiano tunisino che realizzerà vasi in terra cotta.

   Bus navetta saranno garantiti da e per Bergamo (con partenza e ritorno da parcheggio mercato Malpensata e Bergamo scienze center di fronte alla stazione), e presso un anello a Chiuduno polo industriale

 

 

Scrivi Recensione

commenti