La Scasada del Zenerù di Ardesio

La Scasada del Zenerù di Ardesio 31 Gennaio

Certo che ad Ardesio c’è il santuario della Madonna, il museo etnografico, le montagne, su fino ai 3000 m, il formaggio e prosciutto locale, la gente con grande cuore ma…  nulla a confronto di quanto da secoli si scatena LA NOTTE DEL 31 GENNAIO, nevichi o tiri bufera: dalla valle giungono centinaia di uomini sonaglio, con grandi campanacci legati alla cintola per scacciare l’inverno.

Il frastuono è terrificante e più che stare a guardare è meglio buttarsi nella mischia a vivere l’ebrezza di una forma di magia che vuole cacciare Gennaio e risvegliare la natura congelata. Un enorme fantoccio precede l’orda che lo accompagna fino al falò dove, insiema a lui, si bruciano tutti i mali della vecchia annata, mentre un forsennato girotondo di strumenti musicali viventi rutila attorno alle fiamme. Assistere a questa sonora e infernale ‘benedizione’ è un’esperienza unica.

Ma datemi retta: portatevi un campanaccio anche voi a scacciare il Zererù-Gennaione! Quest’anno si uniranno alla festa anche protagonisti del ‘Ciamar marso’ di Recoaro Terme, dove un medesimo rituale si svolge l’ultima domenica di febbraio, con i loro particolari strumenti sonori: recùbeli, snàtare, campanacci. 

Si tratta di rituali che sono lontana eco dei Baccanali di epoca preromana raffigurati su bassorilievi nel Museo della Città del Vaticano: uomini con le corna e i piedi caprini con una corona di campanelle alla cintola danzano forsennatamente inneggiando a Bacco, all’ebrezza e alla fertilità.

Lungo i millenni non si è spenta la memoria popolare di questi riti pagani che uniscono l’ebrezza generata da vino ed eccessi sonori al desiderio della rigenerazione di tutta la Natura, celebrati proprio in una delle notti più buie e fredde dell’inverno.

D’altronde, per lanciare la rivoluzione sociale, gli Anni Sessanta non hanno forse messo in campo ingredienti molto simili a quelli orgiastici dei Baccanali? ‘Sesso, droga e rock and roll’ è lo slogan che li riassume perfettamente. Per i benpensanti non era musica, ma fracasso, distruzione della musica. Anche quella dei riti popolari come il Zenerù viene definita ‘antimusica’.

Ecco perché ad Ardesio, la notte del 31 gennaio, si respira un’atmosfera di un preistorico e irrefrenabile concerto Rock, dove a suonare campanacci, corni, raganelle e quant’altro ci dan dentro tutti.

Più che uno spettacolo a cui assistere, è un’esperienza da provare: indimenticabile!

Testo Giovanni Mocchi – Immagini Carlo Picinali

HOME PAESE Ardesio ARTICOLI Ardesio ITINERARI Ardesio EVENTI  Ardesio NEGOZI Ardesio MANGIARE Ardesio DORMIRE  Ardesio LOCALI Ardesio SERVIZI Ardesio AZIENDE Ardesio CASE Ardesio SCUOLE Ardesio ASSOCIAZIONI Ardesio ARTISTI Ardesio WEB CAM Ardesio VIDEO Ardesio

 

Scrivi Recensione

commenti

SPONSOR di Ardesio – Vuoi sostenere la pagina del tuo comune?

INFORMAZIONI

Attività ArdesioNegozi ArdesioAziende ArdesioServizi ArdesioLocali ArdesioRistoranti ArdesioPizzerie ArdesioItinerari ArdesioPaese ArdesioComune ArdesioDove andare ArdesioInformazioni ArdesioNotizie Ardesio Info Ardesio Storia ArdesioPersonaggi Ardesio Numeri Utili Ardesio Curiosità Ardesio Popolazione Ardesio Frazioni Ardesio Vivere Ardesio Informazioni Turistiche Ardesio Ardesio Comune Ardesio Informazioni Ardesio Paese Ardesio Fotografie Immagini ArdesioArdesio FotografieFoto ArdesioEventi ArdesioScuole ArdesioAssociazioni ArdesioHotel ArdesioDove Dormire ArdesioOggi ArdesioDove Mangiare Ardesio
ArabicChinese (Traditional)EnglishFrenchGermanItalianRomanianRussianSpanish
Info