Desembèr

Desembèr – Dicembre in Bergamasco

Dicembre è un mese speciale per tanti aspetti, che vanno dalle festività, alla chiusura dell’anno, ma anche per la magia dei regali che i bambini attendono in corrispondenza di Santa Lucia e di Babbo natale.

Per questa occasione ho raccolto alcuni detti, proverbi e modi di dire che il dialetto ci ha tramandato.

“Desèmber gran tormènt, denàcc l’te giassa, e de dré l’te ofènd” (Dicembre gran tormento, fin dai primi giorni ghiaccia e sul finire ti bistratta).

L’appuntamento con Santa Lucia era una lunga e trepida attesa, una sofferenza resistere al sonno e alla tentazione di spiare la santa che arrivava col suo asinello. “Santa losséa l’è ol dé piö cürt che séa, la nòcc piö longa che ghe séa” (Santa Lucia è il giorno più corto che ci sia e la notte più lunga che ci sia).

Ma, in fondo, c’era anche il pericolo di farla scappare via: bastava che lei ascoltasse i ragazzi fiatare fuori dal letto, come spiega poeticamente Carmelo Francia: “I s-cècc i sa che di òlte per fala scapà vià, l’è assé che lé i a scolte, fò del lècc a bofà” (I ragazzi sanno che a volte, per farla scappare via, basta che lei li ascolti fiatare fuori dal letto).

In una poesia Sergio Fezzoli, descrive così la magia di dicembre: “Desèmber, che gran poesia!/ Ol mònd di s-cetì / l’è pié de magia./ A l’nàss ol Bambì,/ Nedàl in de cüna/ l’è ché per portàm /amùr e fürtüna” (Dicembre, che gran poesia! Il mondo dei bambini è pieno di magia. Nasce il Bambino, Natale nella culla, è qui per portare amore e fortuna).

Una manciata di giorni e arriva la fine dell’anno e, a tal proposito, con il suo contenuto di saggezza, il proverbio recita: “San Silvèster a l’ disìa de nó dì mal de l’an fin che nó l’ finìa”. (San Silvestro diceva di non dire male dell’anno fino a quando non fosse terminato).

E allora spazio agli auguri con il calice in mano: “Trentü desèmber mesanòcc che süna: m’s’è töcc in pé e m’tira sö ol bicér, töcc a m’ dis “viva”!, co l’istèss pensér: che ‘l Signùr per l’an növ me la mande buna!” (Trentun dicembre mezzanotte che suona: siamo tutti in piedi e alziamo il bicchiere, tutti diciamo “evviva”! col medesimo pensiero che il Signore per l’anno nuovo ce la mandi buona!).

Scrivi Recensione

commenti

ArabicChinese (Traditional)EnglishFrenchGermanItalianJapanesePortugueseRomanianRussianSpanish
×