Corpus Domini di Gandino

Corpus Domini di Gandino, Tradizioni Gandinesi 3 giugno 2018

Ogni anno, secondo il calendario liturgico, si tiene a Gandino la Solenne festività del Corpus Domini. È occasione per la tradizionale processione: la più solenne, la più bella, la più sentita dai fedeli e la più seguita dai numerosi turisti che per l’occasione raggiungono il paese per partecipare a questa ricorrenza.

Il percorso del corteo si presenta tutto addobbato con le «zandaline», festoni tesi da un lato all’altro della strada, dai colori diversi a seconda delle contrade; da ogni finestra pendono drappi e gli androni dei pa­lazzi sono aperti per far mostra di altarini, statue e quadri sacri.

Ma ciò che più attira il visitatore sono le Confraternite: ne sopravvivono ancora quattro (quella di San Giuseppe, della Madonna del Carmine, dell’Addolorata e del Santissimo Sacramento); sfilano per le vie del paese con le loro variopinte divise (originalissima quella dei confratelli del Santissimo Sacramento), con i lo­ro stendardi, i grandi crocifissi lignei, i lampioni processionali; il priore e il se­gretario portano bellissime ferule.

Le 4 confraternite di Gandino

Le 4 confraternite di Gandino

Paggetti, bambini vestiti da angioletti vivaciz­zano il corteo, e poi canti e musica. Per questa solennità, i sacerdoti vestono il paramento più ricco, solitamente esposto nel Museo della Basilica; si tratta di un broccato d’o­ro e d’argento prodotto a Lione nel 1768, destinato al celebrante principale e a sei altri sacerdoti. Il baldacchino è uno splendido ganzo veneziano del primo settecento.

L’ostensorio gotico è una vera rarità nella Ber­gamasca ed ha un grande significato storico: fu acquistato in Baviera nel 1527 dai mercanti gandinesi, quando raggiungevano quelle terre per vendere i loro pannila­na. Oro, argento e sete simboleggiano lu­ce e regalità proprie dell’Eucarestia.

CORPUS DOMINI DEL 1970

Corpo Civico musicale di Gandino

Corpo Civico musicale di Gandino

Dal 1701 fino alla seconda guerra mondia­le, lungo le vie del percorso veniva creata una galleria di pannilana presi a prestito dai lanifici; l’iniziativa non era esente da fi­ni pubblicitari: si riteneva portasse male non prestarli. Le prime notizie della processione risalgono alla prima metà del Quattrocento.

HOME PAESE Gandino ARTICOLI Gandino ITINERARI Gandino EVENTI  Gandino NEGOZI Gandino MANGIARE Gandino DORMIRE Gandino LOCALI Gandino SERVIZI Gandino AZIENDE Gandino CASE Gandino SCUOLE Gandino ASSOCIAZIONI Gandino ARTISTI Gandino WEB CAM Gandino VIDEO Gandino

Scrivi Recensione

commenti

SPONSOR di Gandino – Vuoi sostenere la pagina del tuo comune? INFORMAZIONI

Negozi Jeans GandinoMacellerie GandinoMercerie GandinoCartoleria Fashion School  GandinoLavasecco Bonazzi GandinoRistorante Monte Farno GandinoGandino Erboristeria NaturalmentePizzeria Capriccio GandinoAcconciature Valeria Style GandinoMauro Orafo GandinoPanifici GandinoParrucchiera GandinoPizzeria Asporto GandinoMoquette Gandino Arcos Centro Estetico Gandino Bar Liù GandinoArredamenti Valgandino Gandino Tabaccherie Gandino Ottica Bonazzi Gandino Pastifici Gandino Rigel Bar Ristorante Gandino Perletti Gandino La bottega dell’arte Gandino Rifugio Parafulmine Gandino Panificio Spiga d’Oro Gandino Calzolaio Ferrari Gandino Alimentari Ferrari GandinoAnesa Hifi GandinoAntica Fontana GandinoFerramenta Lanfranchi GandinoCalzature Zenoni GandinoAbil Legno Maffeis GandinoEikos Materassi GandinoImpresa Edile Paganessi GandinoOggi GandinoVisitare Gandino