Calendimaggio cortese

Calendimaggio cortese detti in bergamasco

Mese di maggio, mese dei fiori, dello sbocciare degli amori…

I giovanotti del paese avevano modo, proprio in occasione della processione e delle funzioni del mese di maggio, di osservare tutte le ragazze, anche quelle che vivevano disperse nelle cascine:

Nascevano così i primi amori e venivano pensati i messaggi da inviare, messaggi affidati alla scelta di un ramo.

Calendimaggio cortese

– Per una ragazza devota un ramo di ciliegio: Ram dè serésa per öna s-cèta che va ‘n cesa.
– Per una ragazza d’animo delicato un ramo di biancospino:Ram dè biancospì per öna s-cèta d’amur fì.
– Per una ragazza volubile: Ram dè albàra per öna s-cèta che la bala.
– Per una ragazza di poca volontà: Ram dè pighéra per öna s-cèta ligéra.
– Per una ragazza seminatrice di pettegolezzi: Ram dè rubìna per öna s-cèta che ruìna.
– Per una ragazza che faceva la difficile e che rischiava di restare zitella:Ram dè onèss per öna s-cèta che la marsèss.
– Ad una ragazza desiderata per un matrimonio in qualsiasi periodo dell’anno si lasciava davanti alla porta: öna rasciata dè raisù, per öna s-cèta buna in töce le stagiù;
– mentre ad una ragazza chiacchierata per la sua dubbia moralità venivano gettati davanti alla porta solo i fiori di ravizzone: Fiùr dè raisù per öna s-cèta che la và ‘n cagnù.
– E, tanto per finire: öna rasciada de trefòi per öna s-cèta che me no la voi.
(una manciata di trifoglio per una ragazza che io non voglio).

Giuliano Todeschini

Scrivi Recensione

commenti

ArabicChinese (Traditional)EnglishFrenchGermanItalianRomanianRussianSpanish
Info