Venerdi 1 Maggio

1 maggio 2015 Pensiero del giorno0

Uomo cosmico – noi viviamo in lui. Conseguenze per la nostra vita morale
“Nel piano fisico gli esseri sono individualizzati, separati, e quel che ciascuno di essi vive non tocca direttamente gli altri. La vostra sofferenza o la vostra gioia apparentemente non sono la loro sofferenza o la loro gioia. Se mangiate del cibo indigesto rovinate il vostro stomaco, non il loro. In alto, però, nei piani sottili, non c’è più alcuna frontiera tra gli esseri, e tutti i vostri stati producono effetti sugli altri. Sì, perché in alto esiste un unico essere, l’Uomo cosmico, che è la sintesi di tutti gli esseri.
Noi viviamo nell’Uomo cosmico, noi stessi siamo l’Uomo cosmico, e nessuna creatura esiste fuori di lui in quanto entità separata. Ne consegue dunque questa legge morale: tutto il bene e il male che facciamo agli altri, è a noi stessi che lo facciamo. Forse vi pare che questo non abbia senso?… Al contrario, ha molto senso, poiché nell’Uomo cosmico noi siamo uno.

“Omraam Mikhaël Aïvanhov

pensiero del giorno Vivere Bergamo

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.