Saggezza antica – Dialetto Bergamasco

Saggezza antica Bergamo

Saggezza antica – Dialetto Bergamasco

Dai detti e proverbi dialettali che Antonio Tiraboschi nelle sue raccolte del 1875 e del 1882, definisce

“onore al senno antico”  andremo a curiosare per raccoglie qualche saggezza spicciola.
Per significare la nostra permanenza su questa terra come di passaggio, si diceva:

“A sto mond gh’è nissü de necessare” (a questo mondo non c’è nessuno di necessario)

così come:

“mort ü papa, se n’ fa ün oter” (morto un papa, se ne elegge un altro).

E così va avanti il mondo…

Secondo il pensiero di una irreprensibile dignità si diceva:

“Dì mai che nó te gh’ n’é gna ü” (non dire mai che sei senza denaro).

Cioè

“Non avvilirti mai col ripetere che tu non hai un quattrino;

non piagnucolare, sii onesto e lavora:

questa è la via che l’uomo di virili sentimenti batte per procurarsi il necessario.

Chi pubblica la propria miseria con lo scopo di farsi aiutare, potrà avere qualche elemosina, non mai un prestito, perché si diceva:

“A ü poarèt i ga impresta negòt nessü” (a un poveretto nessuno presta niente)

mentre:

“A ü ‘mbriàc töc i ga öl dà de bìf” (ad un ubriaco tutti vogliono dare da bere).

E, per finire

“In dol bisògn l’è bu töt” (nel bisogno vien buono tutto)

e allora

“in mancansa di caai a s’ fa trotà i asegn”

(in mancanza dei cavalli, si fanno trottare gli asini).

Giulià Todeschì

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.