Proverbio Bergamasco di Ottobre

VETRINA HOME0

Proèrbe del mis de Utùer – Proverbi del mese di Ottobre

proverbio bergamasco mese di ottobre

A san Brünù, durcc a muntù.

A san Bruno tordi in grande quantità.

A san Fransèsch, i è i osèi a ‘ndà de mès.

A san Francesco sono gli uccelli a rimetterci.

A san Fransèsch sómna ‘l formét se te ö troàs contét.

A san Francesco semina il frumento, se vuoi essere contento.

A san Simù, la ventaia ‘n d’ü cantù.

A san Simone, si mette in disparte il ventaglio.

A santa Terésa, lódole a distésa.

A santa Teresa, allodole in quantità.

A utuèr: rae, castègne e fóns, melgòt, durcc e móst.

A ottobre: rape, castagne e funghi, granoturco, tordi e mosto.

Chi no sómna per san Löca, de la rabia l’ sa spelöca.

Chi non semina per san Luca, si strappa poi i capelli per la rabbia.

De la Madóna del Rosare, castègne e zét per i strade.

Per la Madonna del rosario, castagne e gente per le strade.

De san Simù e Giüda la raa l’è marüda; marüda o de marüda la raa l’è de strepà.

A san Simone e Giuda la rapa è matura; matura o no la rapa è da strappare.

Per san Gal, sómna sènsa fal.

Per san Gallo, semina senza alcun fallo.

Quando a utùer a l’ piöv e l’ truna, l’invernada la sarà buna.

Quando ad ottobre piove e tuona, l’invernata sarà buona.

Se l’ fa bèl tép ol dé de san Gal, a l’ fa bèl tép fina a Nedàl.

Se fa bel tempo il giorno di san Gallo, fa bel tempo fino a Natale.

Söcc o bagnàt, per san Löca töt somnàt.

O asciutto o bagnato, per san Luca tutto deve essere seminato.

 

Testo di Antonio Tiraboschi,

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.