Proverbi del mese di Novembre

VETRINA HOME0

Proèrbe del mis de Noèmber – Proverbi del mese di Novembre

proverbio mese di novembre

A noèmber a fa zó mèlga e copà porsèi, ‘nfina a chi bröcc i deènta bèi.

A novembre a sgranare granoturco e ammazzare maiali, pure quelli brutti diventano belli.

A sant’Andréa de la barba bianca, i è rar i agn che la manca.

A sant’Andrea della barba bianca, sono rari gli anni in cui manca (la neve).

A santa Caterina, la aca a la cassina.

A santa Caterina la mucca deve trovarsi alla cascina.

A santa Caterina, o niv o frècc o brina.

A santa Caterina, o neve o freddo o brina.

A santa Caterina, ol sul l’ salüda e l’ camina.

A santa Caterina, il sole saluta e scompare.

A san Martì, l’ se spusa i poarì.

A san Martino si sposano i poveri.  (Il periodo più indicato per il matrimonio era san Martino perché erano terminati i lavori dell’annata agricola e la gente disponeva di un po’ di denaro).

A san Martì, ol móst l’è deentàt vì.

A san Martino il mosto è diventato vino.

A san Martì, stòpa ‘l tò ì; a Nedàl, comènsa a tastàl.

A san Martino tappa bene nella botte il tuo vino; a Natale incomincia ad assaggiarlo.

Ai mórcc e ai sancc, i va ‘n césa po’ i brigàncc.

Per la ricorrenza dei morti e dei santi, vanno in chiesa anche i briganti.

Al mercàt de töcc i sancc, s’ paga i dèbecc de töt ol an.

Al mercato di tutti i santi si pagano i debiti di tutto l’anno.

Al tridüo di mórcc, tich, tuch, tach… la ragia l’è söbet ‘impissàda.

Al triduo dei morti, in un lampo la raggera è accesa (Gandino)..

Chi che stóngia a san Martì, a i guadagna pa e ì.

Chi pota a san Martino, guadagna pane e vino.

Dopo san Martì, l’erba l’è del bezì.

Dopo san Martino, l’erba è dell’agnellino.

La stagiunina de san Martì, la düra trì dé e ü falì.

L’estate di S. Martino dura tre giorni e un pochino.

Niv novembrina, màder e madrégna.

Neve di novembre, madre e matrigna.

Per la fèsta de töcc i sancc, s’ tira fò mantèi e guànc.

Per la festa d’Ognissanti si mettono in uso manteli e guanti.

San Martì l’ ghe n’ dà ai sciòr, e l’ ghe n’ tö ai poarì.

San Martino dà ai ricchi e toglie ai poverelli.

San Martì, l’è chèl di regalì.

San Martino e quello dei regali (Leffe).

Santa Caterina, la pórta la scaldina.

Santa Caterina porta lo scaldino.

Se a sant’Andréa no la egnerà, a sant’Ambrös no la falerà.

Se la neve non arriva a Sant’Andrea, non mancherà a sant’Ambrogio (8 dic).

Se i mórcc i vé co i pé söcc, i va co i pé bagnàcc; s’i vé co i pé bagnàcc i va co i pé söcc.

Se i morti vengono con  i piedi asciutti, vanno con i piedi bagnati (con la pioggia); se vengono con i piedi bagnati, se ne vanno con i piedi asciutti.

Se la nòcc de santa Illüminada, ol cél l’è töt seré, ‘l invèren a l’ sarà bröt assé; se la nòcc de santa Illüminada ol cél l’è tö iscür, l’invèren a l’ sarà mia dür.

Se la notte di santa Illuminata il cielo è tutto sereno, l’inverno sarà molto brutto; se la notte di santa Illiminata il cielo è tutto coperto, l’inverno sarà mite.

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.