Proèrbe del mis de Zenér – Proverbi del mese di Gennaio

1 gennaio 2016 VETRINA HOME0

Proèrbe del mis de Zenér – Proverbi del mese di Gennaio

proverbio del mese di gennaio

Antica saggezza popolare. La tradizione molto spesso e’ tramandata grazie al dialetto con i proverbi. Proprio del dialetto bergamasco era (ed e’) l’argutezza delle battute che, unita ad una ricca tradizione di proverbi vivaci contribuì al fiorire di un genere letterario quale la commedia. In questi pochi proverbi e’ possibile rintracciare quella smaliziata visione della vita propria del popolo bergamasco, la sua saggezza legata al profondo vincolo con la propria terra d’origine e con le proprie tradizioni.


Proèrbe del mis de Zenér – Proverbi del mese di Gennaio

01  Arda come i va i dé dal du al dùdes de Zenér.
Osserva come è il tempo dal due al dodici gennaio.

02  A Pasquèta, ün’urèta.
All’Epifania, un’ora piccola.

03  A sant’Antóne un’ ura gròssa.
A sant’Antonio un’ora abbondante.

04  Epifania, töte i fèste pórta via.
L’Epifania tutte le feste si porta via.

05  Sant’Antóne l’è ü mercànt de niv.
Sant’Antonio è un mercante di neve.

06  A Sant’Agnés cór la löserta fò per la sés.
A Sant’Agnese corre la lucertola per la siepe.

07  Ol trentü de zenér a s’cassa vià ‘l zenerù.
Il trentuno gennaio si scaccia il gennaio.

08  Se te ölet bé a tò moér, làssela mia ‘ndà al sul de zenér.
Se vuoi bene a tua moglie, non lasciarla esposta al sole di gennaio.

09  Se te ö cambià moér,  mètela al sul de zenér.
Se vuoi cambiare moglie, mettila al sole di gennaio.

10  Ol dé d’san Pàol convèrs a l’ne fa de töcc i èrs.
Nel giorno della conversione di S.Paolo il tempo ne combima di tutti i colori.

11  Chi öl ü bel aér, i la piante de zenér.
Chi vuole un agliaio redditizio, lo pianti in gennaio.

12  Zenér l’è ‘l mis di gacc.
Gennaio è il mese dei gatti.

13  Zenér a l’ fa i pucc, fevrér i a dèsfa.
Gennaio fa i ponti, febbraio li distrugge.

14  Dopo S. Antóne töcc i dé  i è del demone.
Dopo S. Antonio, tutti i giorni sono del demonio.

15  Dopo Nedàl, töcc i dé i è carnèal; dopo Pasquéta, töcc i dé de alegréssa; dopo S. Antóne, i bala a’ i nóne.
Dopo Natale, tutti i giorni son carnevale; dopo l’Epifania, tutti i giorni son d’allegria; dopo S. Antonio, ballano anche le nonne.

16  L’öltem dé carneàl töcc i cópa ‘l animàl; siel gròss o pissinì s’fa salàm e codeghì.
L’ultimo giorno di carnevale tutti ammazzano l’animale (il maiale); sia grosso o piccolo si fanno salami e cotechini.

17  Se ‘l zenér no l’ zenerèsa, ol fevrér fa öna gran scorèsa.
Se gennaio non segue il suo corso normale di freddo, febbraio sarà fastidioso come un peto.

18  A copà ü pöles de zenér a se n’ còpa ü sentenér.
Ad uccidere una pulce il mese di gennaio, se ne uccide un centinaio.

19  A Dosséna per la mascherada de carneàl, no l’ manca gne ‘l Föria, gne ‘l Diàol.
A Dosena per la mascherata di carnevale, non manca né l’asino né il diavolo.

20  San Bastià, la viöla ‘n mà.
San Sebastiano la viola in mano.
21  Àrdet de la primaéra de zenér.
Guardati dalla (falsa) primavera di gennaio.

22  A metà zenér, metà pa e metà fé.
A metà gennaio, metà di pane e metà di fieno.

23  San Maüro (15), san Marcèl (16), sant’Antóne del porsèl, i è tri mercàncc de niv e de frècc.
San Mauro, san Marcello, sant’Antonio del maialino, sono tre mercanti di neve e di freddo.

24  Chi de Bèrghem i slónga ‘l carneàl fina ai pórte de Milà.
Quelli di Bergamo allungano il carnevale fino alle porte di Milano.

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.