Proèrbe del mis de Mars – Proverbi del mese di Marzo

1 marzo 2016 VETRINA HOME0

Proèrbe del mis de Mars – Proverbi del mese di Marzo

proverbio mese di marzo

A san Benedèt, i róndene sóta ‘l tècc.

A san Benedetto le rondini (arrivano) sotto il tetto.

A san Gregòre papa, ü car de fé per aca.

A san Gregorio papa, un carro di fieno per mucca.

A san Giósep falegnàm, niv e pagn.

A san Giuseppe falegname, neve e panni.

l prim trù de mars, a i vé fò töte i lömaghe.

Al primo tuono di marzo escono tutte le lumache.

Chi gira ‘ntùren a San Patrésse, a l’guaréss de töcc i mai e de töcc i ésse.

Chi gira attorno (al santuario) di san Patrizio, guarisce di ogni male e di ogni vizio.

In mars, füs iscàrs; in avrìl, gna ü fìl.

A marzo il fuso è scarso; in aprile non se ne tesse neanche un filo.

In prensepe a la quaresima la màchina di mórc la ula al vólt.

Prima dell’inizio della quaresima la “macchina” dei morti, vola in alto. (Triduo dei morti di Bossico – si espone la macchina in legno di fattura Fantoniana).

Mars acquùs, l’è bu apéna per i spus.

Marzo acquoso porta bene solo agli sposi.

Mars marsòt, l’è stèss ol dé e la nòcc.

Marzo, il giorno è uguale alla notte.

Mars no l’è bèl se non l’ gh’à niv sö ‘l capèl.

Marzo non è bello se non ha neve sul cappello.

Mars polverét, póca paia e tant formét.

Marzo polveroso, poca paglia e frumento in abbondanza.

Mars söcc, pa per töcc.

Marzo asciuttio, pane per tutti.

Mars söcc, avrìl bagnàt, beàt ol paisà che l’à somnàt.

Marzo asciutto, aprile bagnato, fortunato il contadino che ha seminato.

Niv marzölina, la düra da la sira a la matina.

La neve di marzo dura dalla sera al mattino.

Ol gioedé de mèsa Quarisma, töcc a rasgà la ègia ‘n piassa Püntida.

Il giovedi di mezza quaresima, tutti corrono a veder bruciare la vecchia in piazza Pontida.

Ol mercoledé di sènder e i venerdé de mars a i desüna a’ i osèi in del prat.

Il mercoledi delle ceneri e i venerdi di marzo, digiunano pure gli uccelli nel prato.

Ol trentü co i bernàs, a s’dèsda l’èrba e s’cassa ‘l mars.

Il trentuno con le palette del fuoco, si sveglia l’erba e si scaccia marzo.

Quando la Quarisma la tóca tri mis, gh’è ròba a sö per i sése.

Quando la Quartesima si distribuisce su tre mesi ci sono frutti anche sulle siepi.

Quando l’ fioréss ol cornàl, ol füs no l’ dà piö guadàgn.

Quando fiorisce il corniolo, il fuso non porta più guadagno.

San Casmìr, ol vènt no l’ dà respìr.

A san Casimiro, il vento non da respiro. (ossia soffia in continuazione).

San Giösepì, ol bastù l’ fa fiurì.

San Giuseppino fa fiorire il bastone.

Se a la Madona de mars a l’vé la brina, dòpo no la fa piö rüina.

Se alla madonna di marzo (Annunciazione) scende la brina, dopo tale data non arreca più danno.

Se mars a l’gh’à sich gioedé, ghe sarà lì a’ sö per i lòbie.

Se marzo a cinque giovedi ci sarà lino anche sulle logge.

Tra ‘l spus e la spusa, a s’sómna la linusa.

Tra lo sposo e la sposa si semina il seme di lino.

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.