Proèrbe del mis de Desèmber – Proverbi del mese di Dicembre

1 dicembre 2015 VETRINA HOME0

Proèrbe del mis de Desèmber – Proverbi del mese di Dicembre

mese di dicembre proveri bergamaschi

A Nedàl ol sòch a l’ brüsa töta nöcc.

A Natale il ceppo brucia tutta notte.

A Nedàl ü pas de gal.

A Natale un passo di gallo (più luce).

A san Tomàs ol dé l’ se slónda da la bóca al nas.

A san Tommaso il giorno si allunga quanto dista il naso dalla bocca.

A sant’ Ambrös, ol frècc l’ ispiör.

A sant’Ambrogio, il freddo pizzica.

A santa Lösséa l’ vé la spéa, e a Nedàl la é sensa fal.

A santa Lucia c’è il segnale della neve, a Natale arriva sicuramente.

Chèl che ripara del frècc, a l’ ripara a’ del cóld.

Quello che ripara dal freddo, ripara anche dal caldo.

Chi fabrica d’inverno, fabrica in eterno.

Chi fabbrica d’inverno, costruisce in modo duraturo.

Chi no disüna la igilia di Nedàl, no i conòss gne bé gne mal.

Chi non digiuna la vigilia di Natale, conosce né il bene né il male.

Chi prima d’ Nedàl no fila, dopo Nedàl söspira.

Chi prima di Natale non fila, dopo Natale sospira.

De Nedàl l’ se slónga ol dé, ol frècc, la fam.

A Natale si allunga il giorno, il freddo, la fame.

Fina a’ i laùr piö bèi, i düra da Nedàl a sant’Istéen.

Anche le cose più belle durano quanto da Natale a santo Stefano (cioè poco).

L’öltema niv la lassa mai giàs.

L’ultima neve non lascia mai il ghiacio.

Nedàl rabiùs, carneàl ariùs.

Natale rabbioso, carnevale ventoso.

Niv desembrina per trì mis la se confina.

Neve di Dicembre rimane per tre mesi

Ol lüf no l’ maia nissü invèren.

Il lupo non mangia nessun inverno.

Ol presepe ‘n cà a Nedàl, per i s-cècc l’è ü bèl regàl.

Il presepio allestito in casa a Natale, per i bambini è un bel regalo.

Ol zöèrnech a Nedàl a l’ pórta bé sensa fal.

Il ginepro a Natale porta certamente bene.

Pa, ì e söche, e se l’ völ fiocà che l’ fiòche.

Pane, vino e zucche; e se vuol nevicare, nevichi pure.

Prima de Nedàl a s’mangia töcc istèss, dopo Nedàl i mangia chi ghe n’à.

Prima di Natale tutti hanno da mangiare, dopo Natale mangia chi ne ha.

Quando l’ canta ‘l merlo, l’ è finìt l’inverno.

Quando canta il merlo è finito l’inverno.

Quando l’ dè l’ se slónga, ol frècc a l’ bónda.

Quando il giorno comincia ad allungarsi, il freddo si fa più intenso.

Quando l’ fioca sö la fòia, l’è un invèren che fa òia.

Quando nevica sulla foglia, è un inverno che fa venir voglia (piacevole).

Quando la niv no i la ed nissü, la é zó a muntù.

Quando la neve non la vede nessuno (di notte) scende abbondante.

San Silvèster a l’ disia de no dì mal del an fin che no l’ finìa.

San Silvestro diceva di non dire male dell’anno fino a qiando non era terminato.

Santa Barbara e san Simù i tègn lontà la saèta a ‘l trù.

Santa Barbara e san Simone tengono lontano il fulmine e i tuoni.

Se l’ fa sul a santa Bibiana, l’fa bèl tép per öna quarantana.

Se fa bel tempo a santa Bibiana, farà bel tempo per quaranta giorni.

Seré d’invèren, frèsch d’estàt, i è laùr de no fidàs.

Sereno d’inverno, fresco d’estate sono situazioni da non fidarsi (instabili).

Starnüdì a Nedàl l’è ü schèrs del diaòl.

Starnutire a Natale è uno scherzo del diavolo.

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.