Pensiero di sabato 28 maggio 2016 M.O.Aivanhov

28 maggio 2016 Pensiero del giorno0

Acqua, un supporto per la nostra vita spirituale

Lavarsi le mani: quale azione è più comune di questa? In realtà non c’è niente di comune, di insignificante, se si fa partecipare la propria coscienza.

Aivanhov

L’acqua che noi tocchiamo è l’espressione materiale di un’acqua invisibile che circola nell’universo, e voi potete dunque entrare in comunicazione con l’acqua cosmica chiedendole di purificarvi. E dato che quell’acqua ha anche un grande potere di ricettività, di assorbimento, potete confidarle i vostri pensieri, i vostri sentimenti e i vostri migliori desideri riguardo a voi stessi e a tutti gli esseri umani nel mondo: quell’acqua se ne impregnerà e li trasporterà ovunque nel suo percorso. Alcuni protesteranno: «Parlare all’acqua affinché i nostri desideri si realizzino? Lei ci consiglia di agire come dei pagani!». No, questa pratica non è più pagana di quella che vede i cristiani pregare davanti a una statua o un’immagine sacra. Quando vi rivolgete all’acqua, non lo fate perché la considerate una divinità che esaudirà le vostre preghiere: essa rappresenta un supporto per il vostro lavoro interiore, e un supporto tanto più efficace perché è vivo, vivo della vita di Dio stesso. E ciò è altrettanto vero per quanto riguarda la terra, l’aria e il fuoco.

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.