Pensiero di lunedi 26 settembre 2016 M.O.Aivanhov

Materia, scendere in essa per vivificarla

La spiritualità non consiste nel disprezzare la materia, bensì nel scendere in essa, nel lavorare su di essa per vivificarla e organizzarla. E per “materia” si intende anche il corpo fisico. Se lo si trascura con il pretesto di consacrarsi alle nobili funzioni dell’intelletto, dell’anima e dello spirito, a poco a poco anche le sue funzioni si indeboliranno.

aivanhov

Non si deve lasciare il corpo fisico nello stato di una casa abbandonata che finirà per servire da riparo ad animali e uccelli notturni. Anzi, il suo proprietario deve spesso occuparsi di pulirlo, di averne cura, di renderlo più agile, più vivo. Scendere nella materia con questa intenzione non è mai una caduta. E a questo proposito va fatta una distinzione tra “discesa” e “caduta”. “Scendere” nella materia è una cosa, altra cosa è “lasciarsi cadere”. Noi dobbiamo scendere nella materia per animarla, illuminarla, e per fare del nostro corpo la dimora del Dio vivente.

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.