Ol tép – Il Tempo in Dialetto Bergamasco

 

ol tep il tempo dialetto bergamasco copia
ol tep il tempo dialetto bergamasco copia

Cosa ci sarà di più veritiero e di più semplice di ciò che viene affermato da questo detto dialettale:

“Tocc i dé, ‘ne passa ü” (tutti i giorni ne passa uno).

Ed è proprio un giorno dopo l’altro che compone un anno e così via gli anni che passano e ci lasciamo alle spalle.

Ma si dice anche che:

“al ghè piö tép che éta” (c’è più tempo che vita).

Allora non assilliamoci perché

“Ol tép, l’è töt tacàt” (il tempo è tutto unito).

“Ol tép al giösta töt” (il tempo aggiusta tutto)

e……

“Col tép e co la paia ‘l marüda e i nespoi” (col tempo e nella paglia maturano anche le nespole).

Quindi vedete che ce n’é per tutti, quelli che:

“i völ tegnì sö ol tép” (non perdere tempo)

come per quelli che

“i la töl sö comoda, tanto lè stèss” (chi se la prende comoda, tanta fa lo stesso)

Intanto un altro anno è cominciato, durante il quale, ne siamo certi, il tempo scorrerà alla sua velocità prestabilita.

“Cosa üliv? Ol mond al gira: a ‘l comensa col dé ü e po’, tira che te tira, al vé sèmper ol trentü…” (Che volete farci? Il mondo gira: comincia con il giorno uno e poi, tira che ti tira, viene sempre il trentuno).

Nonostante tutto: “Ve ‘ngüre de passà fò ü bèl an” (vi auguro di passare un bell’anno).

 

Articolo di Giulà Todeschì (Gliuliano Todeschini)

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.