ol co – Testa in dialetto bergamasco

Proveremo ora a scoprire alcune locuzioni dialettali che riguardano la testa.
“Ol cò” oppure la “crapa” indica non tanto la testa ma l’uso della testa, cioè dell’intelletto.
Chi usa poco il cervello, in bergamasco, viene definito ” ü cò de lègn” (testa di legno) oppure “crapa
büsa” (testa buca).

Di conseguenza ne viene il detto che “i crape senza servèl, i fa sempèr ü gran bordèl” (le teste senza cervello, fanno sempre un gran chiasso). Ci sono anche, ben inteso, “i crape fine”
(le teste intelligenti, raffinate) e, per non gravare sempre sui poco dotati, come dimenticare il detto: “scarpe grosse, cervello fino”.

Se alcuni di questi detti hanno via via lasciato il posto ad altri modi di dire, quello che è rimasto ancora frequentemente in uso è: “ìs fò de cò” (essere fuori di testa) ed anche “ìga negòt in dèl cò” (non avere niente in testa) o “ìs sensa cò” (essere senza testa).

Anche per questi c’è una speranza che “i mète a pòst ol cò” (che mettano la testa a posto). E, dato che vi sono “tace cò tace crape” (tante teste tanti modi diversi di pensare) potremo trovare anche di “crapù o chì chi gà la crapa düra” (ostinati, testoni).

ol co testa in dialetto bergamasco

Più serie invece le situazioni nelle quali “saì mìa ‘n do picà ol cò” (non sapere dove sbattere la testa) oppure avere mal di testa “’l ma dòl ol cò”. Esiste, nella varietà umana anche chi “mangià col cò ‘n dèl sàc” (mangia con la testa nel sacco) cioè senza voler prendere coscienza e responsabilità nelle cose: è tipico degli scansafatiche.

E, per non farvi venire “ol màl de cò”, concludo con una simpatica filastrocca in tema che recita: “Crapa pelàda a‘l fà i turtèi, e l’ ghèn dà mìa ai sò fradèi… i so fradèi i fà la fritàda e i ghèn dà mìa a crapa pelàda”.

(Crapa pelàda fa i tortelli e non ne da ai suoi fratelli, i suoi fratelli fanno la frittata e non ne danno a Crapa pelàda).

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.