Oggi visita libera prima della ristrutturazione del Museo storico “Mauro Gelfi” – Città alta

Museo Gelfi sezione ottocento bergamo

Museo storico sezione Ottocento “Mauro Gelfi”

Da lunedì 21 Marzo la chiusura per sistemazione

In vista della ristrutturazione, domenica 20 marzo il Museo storico sezione Ottocento “Mauro Gelfi”in Rocca (Piazzale Brigata Legnano, Città alta, Bergamo) apre gratuitamente al pubblico per tutto il giorno.

Da lunedì 21 marzo infatti non sarà più possibile accedervi sino all’ultimazione dei lavori, in data da destinarsi.

Il percorso è stato in larga parte rinnovato nel 2014, mettendo in mostra le testimonianze  acquisite dal Museo dal 2003 a oggi tramite donazioni, depositi e prestiti di istituzioni e privati.

E così si possono ammirare le decorazioni militari di Giuseppe Tironi, il trombettiere di Garibaldi;
numerose carte geografiche della città e della provincia;

Quadri museo gelfi città alta

i ritratti di protagonisti (Gabriele Rosa, Giuseppe Marieni, Lazzaro Gentili, i vescovi Dolfin e Speranza, Agostino Salvioni); le vignette satiriche del fondo Paolo Moretti; l’apparecchio fotografico da campagna Lamperti & Garbagnati di fine ‘800 ecc. Tra gli approfondimenti: le biografie di patrioti, le elezioni postunitarie, l’emigrazione politica, il finanziamento della Spedizione dei Mille… ma ci sarà spazio anche per la demografia e l’economia nell’Ottocento, la sanità e l’assistenza, la formazione scolastica, la vita professionale di medici e notai.

Anche gli strumenti multimediali sono stati potenziati. Per esempio utilizzando dei cellulari Blackberry è ora possibile ascoltare le voci di alcuni protagonisti degli eventi storici narrati, mentre una postazione multimediale Samsung restituisce l’aspetto di Bergamo nell’Ottocento, percorribile lungo cinque itinerari: Risorgimento, economia, cultura, assistenza e istruzione.
Per informazioni: tel. 035 247116 / 035 226332
e-mail info@bergamoestoria.it

Museo storico sezione Ottocento “Mauro Gelfi” & Piazzale Brigata Legnano, Bergamo, 24100 Italy

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.