öcc – OCCHI in dialetto bergamasco

images

L’occhio , o meglio gli occhi e la loro funzione, sono l’oggetto di quanto andremo a scoprire nei modi di dire del dialetto bergamasco.
“L’öcc” è il termine dialettale con il quale si identifica l’organo della vista che fa bella mostra di se nel panorama del nostro viso. I tipi più frequenti sono: “bèi öcc”, oppure “bèi ögiù” (begli occhioni), “öcc de furbo” (occhi da furbo) “öcc de sbera” (occhi di persona aggressiva), o per le ragazze “öcc che ‘ncanta” (occhi belli che incantano).
“Cassà fò i öcc” (aguzzare gli occhi), significa prestare molto attenzione, “tegnì d’öcc ergù” (tenere d’occhio qualcuno), significa tenere sotto controllo, mentre è noto a tutti che “l’öcc a l’ völ la sò part” (l’occhio vuole la sua parte). Può essere invece antipatico se qualcheduno: “al ta töl mia só i öcc de dòss” (non ti toglie gli occhi di dosso). Quando si esagera con qualcosa, per esempio con una pietanza a tavola, si dice “a ‘l ma è fò di öcc” (mi esce dagli occhi).
Un saggio proverbio ci ricorda di essere generosi: “ol Signùr l’à facc dü öcc, ü per lür e ü per i otèr” (il Signore ci ha fatto due occhi, uno per noi stessi e uno per gli altri).
Concludo con un altro proverbio che, in modo lapidario e inequivocabile, sancisce il vedere non vedere degli occhi: “Mia töcc i öcc seràcc i dörma e mia töcc i öcc devrìcc i ved…” (Non tutti gli occhi chiusi dormono e non tutti gli occhi aperti vedono…).

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.