Musica celtica al Palazzo Visconti di Brignano Gera D’Adda

25 giugno 2016 Articoli Vivere Bergamo0

Concerto Sabato 25 Giugno ore 21.00

Ritorna la grande musica celtica con una delle più acclamate e prestigiose band della scena internazionale, gli scozzesi RURA.

Rura musica celtica

Il loro concerto, un prestigioso “last minute”, nell’ambito di un tour europeo per promuovere il nuovo album Despite the Dark, a Brignano Gera d’Adda, cittadina sita nella bassa Bergamasca, a pochi chilometri da Milano e dal capoluogo, nella splendida cornice del Palazzo Visconteo.

Palazzo Visconti

Si tratta dell’ antica dimora, un castello a tutti gli effetti, carico di storia e luogo ideale per ospitare eventi del genere, come lo è stato lo scorso 18 giugno con Richard Thompson. Il concerto è pensato come anteprima del Festival Celtico che si terrà il 15 e 16 luglio prossimi nell’affascinante Castello Visconteo di Pagazzano, a pochi chilometri da  Palazzo Visconti e che vedrà protagonisti ospiti internazionali. E’ un’occasione ideale per incontrare ed ascoltare al meglio una delle migliori band scozzesi che si fregia di importanti riconoscimenti e che vanta partecipazioni ai più importanti festival nel mondo. Questo non è il loro esordio in Italia; qualcuno li ricorderà già protagonisti anche nella mai dimenticata rassegna “Andar per Musica”, irripetibile perla in terra Bergamasca.

Il concerto si svolgerà anche in caso di maltempo nella spettacolare Sala del Trono. Per quanti volessero è possibile prenotare posti via email, scrivendo a info@geomusic.it o contattandoci telefonicamente; precisiamo che i posti sono riservati ma non numerati.   

 Il quintetto mette insieme la passione e le influenze di alcuni dei più eccitanti giovani musicisti di Scozia, per due volte in finale ai premi BBC Radio Scotland nella categoria Musicista tradizionale dell’Anno e ai campionati di bodhran panirlandesi.

L’energetica musica dei Rura sembra fatta apposta per scuotere la scena folk. Highland pipes, whistles, violino, chitarra, bodhran e flauto, accompagnati da una schiera di effetti speciali a pedale per creare un suono scatenato e multiforme.

STORIA DEI RURA

 Il primo di marzo del 2012 la prestigiosa etichetta scozzese Greentrax pubblica il primo album della band Break It Up, raffinata mistura di tipiche tunes (tra cui un Pibroch, lamento tipico della tradizione cornamusistica scozzese) e canzoni. I set strumentali sono tirati e sanno creare la giusta energia, mentre la voce straordinaria del componente più recente della band, Adam Holmes, ha aggiunto ulteriore profondità allo spessore del gruppo.

Il disco è stato registrato agli studi Glo-Worm di Glasgow ed è stato prodotto dal musicista e compositore di grande esperienza Aidan O’Rourke, vincitore di un Trad Award nel 2011. Da allora il gruppo è cresciuto sino a diventare uno dei più seguiti tra le giovani folk band della loro generazione, con tour in Europa e nel Regno Unito e la partecipazione a molti dei più importanti festival internazionali.

Il loro secondo album, pubblicato nell’aprile del 2015, conferma Rura come una delle band dalle radici folk più entusiasmanti a emergere negli ultimi anni nel panorama scozzese: Despite the Dark è aspro e vigoroso, vien da dire intricato ma in maniera disciplinata, in cui i brani strumentali stanno bene a fianco di ballate piene di sentimento o maestose, insomma una registrazione-capolavoro del quintetto le cui radici stanno nei due poli della tradizione scozzese, Glasgow e Edinburgo.

Nello stesso anno, sono nominati “Live Act of the Year” agli Scots Trad Music Awards, con la motivazione di essere “una delle band più emozionanti sulla scena del folk scozzese”, come li definisce la rivista Songlines.
www.rura.co.uk

Formazione: JACK SMEDLEY – violino, STEVEN BLAKE – bagpipes e whistle, DAVID FOLEY – Bodhran e flauto, ADAM HOLMES – chitarra e voce, ADAM BROWN – chitarra.

Costo concerto 12,00€. Per maggiori informazioni scrivete a info@geomusic.it oppure telefonate ai numeri di telefono 348/4466307; 035/732005

Buon divertimento!

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.