L’ultima “chiamata” per le iscrizioni a “Giovani in vetta”

MANCA POCHISSIMO ALL’INIZIO DEL PROGETTO INTERNAZIONALE PROMOSSO DA ALPARC AL QUALE ADERISCE ANCHE IL PARCO DELLE OROBIE BERGAMASCHE IN COLLABORAZIONE CON PARCO DELLE OROBIE VALTELLINESI E CAI SEZIONE DI BERGAMO. ISCRIZIONI APERTE FINO AL 6 LUGLIO.

Ecco la montagna più bella, attraversata dai profumi d’estate e dall’entusiasmo dei suoi giovani camminanti. Il 12 e 13 luglio, grazie al progetto internazionale ALPARC, due gruppi di ragazzi si daranno appuntamento nelle aree protette e nei siti naturali delle Alpi  per “I giovani in vetta”, l’esperienza fisica, umana, culturale e artistica alla quale aderisce, tra gli altri, il Parco delle Orobie Bergamasche, in collaborazione con il Parco delle Orobie Valtellinesi e con il CAI Sezione di Bergamo.

Giovani in vetta Bergamo

Fino al 6 luglio, chiunque, tra i 18 e i 25 anni, potrà iscriversi per partecipare alla due giorni a tutto green durante la quale, con passeggiate montane a cavallo dei due Parchi, si scopriranno paesaggi, tradizioni, mestieri e suggestioni d’alta quota. Un percorso che sarà sublimato dall’incontro tra i due gruppi di giovani provenienti rispettivamente dal versante bergamasco e da quello valtellinese.

Un’iniziativa nata per avvicinare i ragazzi all’ambiente montano, mostrando loro come vivere l’escursionismo in armonia con la natura, come affrontare l’esperienza del pernottamento in quota, come imparare a osservare l’ambiente, scoprendone i segreti anche grazie a un laboratorio di fotografia naturalistica che libererà la creatività di ogni partecipante, per lasciare un’impronta, leggera, del proprio passaggio.

Giovani in vetta

In particolare, il 12 luglio dopo il ritrovo alle 9 al Palamonti, Sede CAI Bergamo, Via Pizzo della Presolana, 15, si raggiungerà con mezzi propri Mezzoldo, in località Ponte dell’Acqua, a 1.272 mt e da lì si partirà per un’escursione a piedi lungo il sentiero CAI 114 con Accompagnatori e Titolati C.A.I. Al rifugio San Marco 2000, a 1.630 mt d’altezza, si incontrerà il gruppo di giovani provenienti dal versante valtellinese e si gusterà il pranzo al sacco a carico dei partecipanti. Durante il cammino, della durata di circa 4 ore, sotto la guida di un esperto, i partecipanti muniti di una propria fotocamera o del proprio smartphone, potranno apprendere i primi rudimenti di ripresa fotografica “sul campo” affrontando le tematiche della fotografia di paesaggio, di reportage fotografico e di fotografia naturalistica, mentre la sera, dopo la cena gustata sempre presso il Rifugio San Marco 2000, potranno partecipare alla lezione teorica di fotografia, discutendo degli scatti realizzati lungo il percorso.

Passo San Marco 2000

Il giorno successivo, dopo la colazione alle 8, si partirà per l’escursione a piedi lungo i sentieri CAI n. 101 e n.161 fino al passo del Verrobbio alla scoperta delle trincee della prima Guerra mondiale.

Trinceea della prima guerra mondiale

Dopo una sosta per il pranzo al sacco, preparato dal Rifugio,
i partecipanti discenderanno sino alla località Ponte dell’acqua con rientro previsto alle 17.30 al Palamonti.

Si richiede abbigliamento da montagna, con obbligo di scarponi da trekking e per il corso di fotografia, una fotocamera o uno smartphone con possibilità di scaricare i file prodotti su un PC o su chiavetta USB.

L’iniziativa è gratuita e a numero chiuso con iscrizione obbligatoria entro mercoledì 06 luglio 2016. Per prenotazione rivolgersi a C.A.I. sezione di Bergamo via Pizzo della Presolana n.15.

Per maggiori informazioni chiamate al numero di telefono 035 4175475 .

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.