La sorte – in dialetto Bergamasco

Le condizioni e le sorti diseguali che la vita ci riserva, sono l’oggetto dei modi di dire dialettali che andiamo spiluccando dalla tradizione della nostra terra bergamasca.

Chi non avrà mai sentito per esempio dire: “ai caai maghér al gh’a cor dré töce i mosche” (le mosche si posano addosso ai cavalli magri), il significato del proverbio è che a chi è già povero o malandato di suo sembra gli corrano appresso tutte le disgrazie.

La sorte in dialetto Bergamasco
“A töla coi piö forcc, as’ và col cò ròt” (chi vuol contenderla con il più forte, rimarrà con la testa rotta), sul medesimo piano si dice anche che “Chi chi gh’a tort, i usa piö fort” (chi ha torto, grida più forte) e ancora “cuntra i canù no ‘l vàl la resù” (contro cannoni, la ragione non vale).
A proposito di ingiustizie “No gh’è ü pom bèl che non ‘l borle ‘n boca a ü bröt porsèl” (non c’è una bella mela che non caschi in bocca a un brutto porco) così come “i piö bei bocù di olte i toca ai piö pultrù” ( i migliori bocconi a volte, toccano ai più poltroni).

E, per finire: “ü ‘l fa la panada, e un otèr al la magia” (uno fa il pane cotto e un altro se lo mangia). É lo stesso come dire che uno semina e un altro raccoglie; uno leva la lepre e un altro la piglia. Così va il mondo, cosa ülìf fa?

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.