La giöstissìa – Giustizia in dialetto Bergamasco

La giustizia in dialetto bergamasco copia

Parliamo di giustizia, in dialetto bergamasco “giöstissìa”. Oggi come in passato la giustizia, purtroppo, non gode di molta fiducia. Il detto popolare al riguardo sentenzia: “sòlcc e amicissìa i ròmp ol còl a la giöstissia” (soldi e amicizie rompono il collo alla giustizia). Insomma la giustizia spesso è malleabile se gli avvocati “i stödia la malìssia de fàgla a la giöstissia” (studiano la malizia di farla alla giustizia). La giustizia dipende poi da chi sponsorizza la causa, perché “l’è mia assè ìga resù, bisògna fàla alì!” (non basta avere ragione, bisogna farla valere!).
Che dire poi: “no gh’è causa catìa, che nò la troe ol sò aocàt” (non c’è causa cattiva che non trovi il proprio avvocato). E l’avvocato è meglio trovarlo capace di destreggiarsi, magari anche negli infiniti cavilli, perché :”l’è mèi ü decorde maghèr, che öna sentènsa grassa” (è meglio un magro accordo, piuttosto che una grossa sentenza).

Infatti: “chèl che èns al resta ‘n camìsa, chèl chè ‘l pèrt al resta biòt” (colui che vince resta in camicia, colui che perde resta nudo).
Ultime raccomandazioni: “gné per tòrt gné per resù, lassèt mai mèt in presù” (né per torto né a ragione, non farti mai mettere in prigione).

Insomma, il bergamasco, dal tribunale preferisce stare alla larga, e con motto definitivo sentenzia: “tribünài, presù e inféren, i è devrìcc èstàt e invéren!” (tribunali, prigioni e inferno, sono aperti estate ed inverno).

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.