La cà – la Casa in dialetto Bergamasco

La casa, nel dialetto bergamasco “la cà”, è un bene indispensabile e prezioso per la famiglia, ieri come oggi. Per averla si investono i guadagni ed i sacrifici di una vita. Sulla base di questa concezione ho raccolto alcuni modi di dire dialettali che vale la pena di conoscere e ricordare.

La cà Casa in dialetto Bergamasco
“Ü che ‘l gà la cà, l’è piö senza laurà” ( uno che ha casa non è più senza lavoro) nel senso che la cura e la manutenzione della casa comporta piccole e costanti attenzioni per mantenerla in ordine. “In d’öna cà, ghè semper del defà” (in una casa c’è sempre da fare). Questo modo di dire è soprattutto riferito al costante lavoro delle massaie che erano sempre indaffarate nelle faccende domestiche. “Cà sò e pó piö” (casa propria e niente più). In nessun luogo si sta tanto bene quanto in casa propria, perciò “Piö ontèra ü michèt a cà sò, che Dio ‘l sà coss’è in cà di ótèr” (fa più pro un pane da solo a casa propria che Dio sa cosa in casa d’altri), perché “in cà sò s’ pöl god la libertà” (perché un casa propria ci si può godere la propria libertà.)
Certo è che “per röspà la cà, bisògna fà di éte” (per acquistare casa bisogna fare dei sacrifici) e allora risparmi e sacrifici fanno “granù, granèl, i fà móntulsèl” (granone, granello, fanno monticello) cioè risparmiando un poco qui un poco là si raggranellano i soldi indispensabili anche per acquistare casa perché “tàce póc i fà ü tànt” (tanti pochi fanno un assai).

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.