I NOMADI – LA STORIA CONTINUA, TOUR 2016 a BERGAMO

I NOMADI – LA STORIA CONTINUA, TOUR 2016 a BERGAMO

Bergamo, 3 febbraio 2016, la storia continua…..

Un’altra grande serata, ieri sera, mercoledi 3 febbraio a Bergamo,  dove il mitico gruppo dei Nomadi,  fondato nel 1963 da Beppe Carletti ed Augusto Daolio  e’ tornato a scaldare gli animi del pubblico bergamasco con più di due ore di Musica.

Grazie all’organizzazione di MK produzioni, nel contesto del Teatro Creberg di Bergamo, il pubblico ha potuto rivivere la musica della band nativa di Novellara, Reggio Emilia.

Il concerto ha avuto inizio con ” NOI CI SAREMO”, per poi proseguire con ritmo di puro rock.  Subito scaldato l’ambiente con i primi brani, poi siparietto con Fisarmonica del maestro Beppe Carletti, proseguendo con i grandi successi di 50 anni di storia.

Serata di grande musica, documentata dal servizio fotografico di Carlo Picinali , Staff Vivere Bergamo.

Ricordiamo la novita’ di questo tour, una raccolta di canzoni meno note al pubblico, un omaggio di Beppe Carletti ad Agusto Daolio:

                                                  “Il sogno di due sedicenni è diventato realtà”

 

Nomadi cd 2016
Nomadi cd 2016
I Nomadi raccolta 2016
I Nomadi raccolta 2016

L’indimenticabile Augusto Daolio è l’interprete di questo CD, che ripercorre alcuni dei brani più significativi e suggestivi dei Nomadi di Augusto e Beppe!

Dodici tracce cantante dalla voce di Augusto, tutte rivisitate e risuonate per rendere ancora più attuale il ricordo di Augusto e fare, finalmente, un grosso regalo ai fans che hanno richiesto a gran voce questo Progetto!

 

Nel 1963 ebbe inizio questa avventura straordinaria ed unica per desiderio di due ragazzi di sedici anni. Sono passati 52 anni e la storia che hanno iniziato è ancora una bellissima realtà! Forti emozioni segnano l’ascolto di questo CD grazie alla voce di Augusto, alle sue interpretazioni, al suo timbro che non ha eguali.

Articolo a cura dello Staff Eventi Vivere Bergamo

Gallery fotografica by Carlo Picinali

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.