GLOBALISASSIU’ (globalizzazione)

Una canzone inserita nel cd Album de famèa, allegato a l’Eco di Bergamo nel novembre 2006. Il brano parla di chi perde il lavoro quando ha ormai raggiunto la maturità operativa e per scriverlo mi sono ispirato a Don’t give up di Peter Gabriel. Il tema purtroppo è sempre più attuale…

Copertina del cd
Copertina del cd

Di nòste bande i m’à insegnàt
che prima a l’vé l’amùr per ol  laorà:

zamò de s-cècc quàt m’à tribölàt

per imaparà ü bù  mestér.

Mai e pò mai avrèss söspetàt

de pèrd ol pòst

adèss che gh’ó esperiensa:

i à cancelàt la mé dignità,

ün òm s’pöl mia bötàl vià.

Làsses mia ‘ndà,

pènsa a chèi chi te öl bé,

làsses mia ‘ndà,

te sé in gamba e te l’sé,

làsses mia ‘ndà,

a l’turnerà amò ‘l seré….

In Bergamasca l’esèmpe m’ghe l’à:

a m’sìa magücc, pastùr, contadì,

ma co l’inzègn, la buna olontà

se ést i indüstrie a fiurì.

Ma gh’è tempesta, gh’è nìgher sö in val

per ol tsunami globalisassiù:

in Cina, a l’Est i fà ingrassà ol capitàl

e i ditte ché i và  a cagnù…

Làsses mia ‘ndà,

per tiràss amò in pé

(làsses mia ‘ndà),

te bisògnet pò a’ té;

làsses mia ‘ndà,

te sé mia deperté.

Certo ol cör a l’ fà mal

ma l’è bröta per töcc,

sóta i pucc, zó in de àl

ol Sère e ‘l Brèmp i è mai stöf;

quace sècoi la mé  zét

l’à ardàt l’aqua büligà

e l’à troàt amò la fórsa

per tègn dür e per restà…. Và mia vià!

A t’é guidàt töta la nòcc

per strade fò de mà coi tò emossiù,

la Presolana al ciàr de lüna

la t’è facc vègn ol magù.

A te ölet mia lassà i tò contrade:

i stele alpine i crèss dóma in montagna;

sènsa laorà i mör i valade

i t’à firmàt la condana.

Làsses mia ‘ndà,

quando s’gh’à ün ideàl

(làsses mia ‘ndà),

ol destì s’pöl cambiàl,

làsses mia ‘ndà,

i è ché al vólt i tò amìs, ol tò mond, i raìs: i tò raìs.

Dalle nostre parti ci hanno insegnato
che prima viene l’amore per il lavoro:
già da ragazzi quanto abbiamo tribolatoper imparare un buon mestiere.

Mai e poi mai avrei sospettato

di perdere il posto

adesso che ho esperienza:

hanno cancellato la mia dignità,

un uomo non si può buttarlo via.

Non lasciarti andare,

pensa a chi ti vuol bene,

non lasciarti andare,

sei in gamba e lo sai,

non lasciarti andare,

tornerà di nuovo il sereno.

In Bergamasca l’esempio l’abbiamo:

eravamo manovali, pastori, contadini,

ma con l’ingegno, la buona volontà

si sono viste le industrie fiorire.

Ma c’è tempesta, c’è nero su in valle

per lo tsunami globalizzazione:

in Cina, all’Est fanno ingrassare il capitale

e qui le ditte imputridiscono…

Non lasciarti andare,

per rimettersi in piedi

(non lasciarti andare),

c’è bisogno anche di te;

non lasciarti andare,

non sei da solo.

Certo il cuore fa male

ma è brutta per tutti,

sotto i ponti, giù nella valle

il Serio e il Brembo non sono mai stanchi;

quanti secoli la mia gente

ha guardato l’acqua agitarsi

e ha trovato ancora la forza

per tenere duro e per restare… Non andar via!

Hai guidato tutta la notte

per strade fuori mano con le tue emozioni,

la Presolana al chiaro di luna

ti ha fatto venire il magone.

Non vuoi lasciare le tue contrade:

le stelle alpine crescono solo in montagna;

senza lavoro muoiono le vallate

ti hanno firmato la condanna.

Non lasciarti andare,

quando si ha un ideale

(non lasciarti andare),

il destino si può cambiare,

non lasciarti andare,

sono qui in alto i tuoi amici, il tuo mondo, le radici: le tue radici.

Il brano in esecuzione live al Teatro Filodrammatici di Treviglio (novembre 2012)

 

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.