Giovedi 28 Maggio

Pensiero del giorno0
«Padre mio lavora, e anch’io lavoro (Il)» – ha detto Gesù. E questo deve essere anche il nostro lavoro

“Quando Gesù diceva: «Il Padre mio lavora, e anch’io lavoro», cosa voleva farci capire? Semplicemente che anche noi dobbiamo metterci al lavoro. Ma invece di questo, gli esseri umani lasciano che Gesù lavori con il Padre suo, e loro invece si occupano di sistemare i propri affari personali, i propri interessi e le proprie distrazioni.
Direte: «Ma c’è una tale distanza fra noi e Gesù! Gesù è il Figlio di Dio, è perfetto, mentre noi!… È una forma di orgoglio immaginare che si possa fare il suo stesso lavoro». Bene, pensate quel che volete, ma sappiate che Gesù la pensava diversamente. Dato che diceva anche: «Siate perfetti come il vostro Padre celeste è perfetto», o ancora: «Chi crede in me farà le stesse opere che io faccio, anzi ne farà di più grandi», significa che sapeva che l’essere umano è capace delle più grandi realizzazioni. Ma i cristiani sono esseri pigri. Anche se affermano che è per umiltà se non si impegnano nell’unica vera attività cui valga la pena dedicarsi – ossia partecipare al lavoro di Dio mettendosi al Suo servizio – in realtà non si tratta di umiltà, ma di pigrizia!”

Omraam Mikhaël Aïvanhov

mente_2-600x450

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.