Comune di Castione della Presolana

A partire dal 1863, anno nel quale il Regno d’Italia autorizzava il comune castionese ad assumere la denominazione di Castione della Presolana, l’assetto politico rimane pressoché invariato; l’autonomia comunale e la tranquillità politica, hanno permesso la crescita economica della popolazione. La vita locale era dedicata allo sfruttamento dei boschi, all’allevamento di bovini, caprini e ovini. Cure molto particolari erano riservate a quegli appezzamenti di terreno che dovevano servire per garantire agli animali un’adeguata alimentazione. I prati, ben concimati, consentivano perciò fino a tre tagli di fieno annuali. Tra un taglio e l’altro, nelle zone impervie dove non si riusciva a concimare, veniva effettuata la raccolta del cosiddetto “fe magher” /fieno magro) che, mescolato all’altro, serviva per tutto l’inverno. A ottobre, quando ormai la stagione era alla fine, si raccoglieva il “patos” (insieme di foglie ed erbaccia) destinato alla preparazione dei giacigli invernali per gli animali. Il taglio delle piante rappresentava cospicui utili per i commercianti; il territorio veniva sfruttato a fondo anche con il commercio della terra pura e semplice e il lavoro di tagliapietre era molto diffuso nella zona, vista la bellezza del sasso locale utilizzato ancora oggi per la costruzione delle case. 

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.