CAROLINA di Gino Zanoni

Carolina è la ragazza di montagna, nel nostro caso della val Serina, venuta in città a fare la domestica; la serva o tutt’al più la cameriera come dicevano in tempi in cui non si giocava con i giri di parole. Era però più “dritta”, più sveglia delle sue coetanee cittadine e poi e poi e poi… faceva fermare persino il tram quando la vedevano la matina passà fò… Come non immortalarla in una canzoncina.

 

Copertina dello spartito 1935
Copertina dello spartito, 1935

Dell’autore di questa bella canzone – scritta nel 1935 – non si trovano schede biografiche on line. Bergamasco di origine (genero di Edoardo Berlendis, un altro importante musicista orobico ora pressoché sconosciuto) si trasferì nel 1948 a Roma a dirigervi il coro del Teatro dell’Opera. Si spense nella capitale nel 1963.

Il maestro Gino Zanoni  (Bergamo 1902- Roma 1963)
Il maestro Gino Zanoni
(Bergamo 1902- Roma 1963)

La vé zó töte i matine a fà la spésa
co la spórta e co ‘l bursì;
de batèsem la sarèss Maria Teresa
ma i l’ la ciama Carolì.
L’è vegnida ‘nfina ché de Valserina,
ma l’è drita piö de chèle de sità:
du brassòcc, dò bèle gambe, öna buchina
che la mèt la sgrisolina,
che te fà stà lé a vardà.
Carolina,
se te vède a la matina a passà fò
Carolina,
gh’è la zét che sul per té la pèrd ol có
Carolina,
a l’ se fèrma féna ‘l tram per colpa tò
Carolina berechina,
te sé pròpe ön’assassina,
se te vède la matina a passà fò.
Ü zuenòt issé per caso öna matina
a l’ gh’à facc impó ol bambòss:
“Vuol venire insiem con meco, signorina?”
“Cara lü ol mé póer strigòss,
a l’ me lasse indà ‘n piassér per la mé strada
se nö l’ völ passà ü quart d’ura de chi bröcc,
sedenò ghe l’ giüre mé fó öna fritada,
ché ‘n del mèss a la contrada,
pròpe ché denàcc a töcc”
Carolina ecc…
Ògne tat al sò paìs la và ‘n licènsa
e l’ ghe par de respirà;
di zuenòcc che i völ parlaga ‘n confidènsa
la n’ na tróa pò insö de là;
ma la nòsta Carolì l’è sèmper chèla:
l’è restada come l’éra amò ai sò dé
e al sò Bèpi la ghe par amò piö bèla
d’öna rösa d’öna stèla
perchè a l’ sà che la ghe öl bé…

Scende tutte le mattine a fare la spesa
con la borsa e il borsellino;
di battesimo sarebbe Maria Teresa
ma la chiamano Carolì.
È venuta fin qui dalla Valserina,
ma è dritta più di quelle di città:
due bracciotti, due belle gambe, una bocchina
che mette i brividi
che ti fa stare lì a guardare.
Carolina,
se ti vedo la mattina passare
Carolina,
c’è la gente che solo per te perde la testa.
Carolina,
si ferma persino il tram per colpa tua
Carolina birichina
sei proprio un’assassina
se ti vedo la mattina passare.
Un giovanotto per caso una mattina
ha fatto un po’ lo stupido con lei :
“Vuol venire con me signorina?”
“Caro lei il mio povero vagabondo,
mi lasci andare per favore per la mia strada
se non vuole passare un quarto d’ora di quelli brutti
altrimenti, glielo giuro, faccio una frittata
qui in mezzo alla contrada
proprio qui davanti a tutti”.
Carolina ecc…
Di tanto in tanto al suo paese va in licenza
e le sembra di respirare;
giovanotti che le vogliono parlare in confidenza
ne trova anche da quelle parti;
ma la nostra Carolì è sempre la stessa
è rimasta quella d’una volta
e al suo Bepi sembra più bella
d’una rosa, d’una stella
perché sa che gli vuole bene.

 

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.