Capì – Capire in dialetto Bergamasco

Dighèt del bù?
A cura de Giulià Tudeschì

capire

Il verbo capire, intendere, comprendere, nel dialetto bergamasco, si dice “capì”.
Se è abbastanza normale che uno capisca, allora passiamo dal “capì ergòt” (capire qualcosa), al “capì al volo” (capire, intendere subito) e, di livello un po’ più basso: “capì ‘sse ‘m pó” (capire superficialmente).
Tuttavia il verbo “capì” viene di sovente impiegato al negativo, spesso e volentieri si sarà sentito dire: “a l’ capès negòt” (non capisce niente) o con l’aggravante “’l capès ona tògna”. Ma anche sentirsi dire “che capéss negòt che te sé”, che si può tradurre come: che irresponsabile che sei, non è proprio un complimento. Che dire poi di quando: “a ‘ssa capèss gnà per fèr rót” “o gnà per piö tòst” (non ci si capisce neanche per ferro rotto, o per piuttosto).
C’è poi chi intende al contrario: “capì ü laùr per ün otèr” (capire una cosa per un’altra) e ancora “a l’ capéss Tóne per bilóne” (capisce Tonio per bilonio), lo stesso vale anche per il detto “a l’ capéss Roma per tóma” (capisce Roma, o meglio confonde Roma con tóma – che in dialetto vuol dire cadere, cascare a terra).

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.