Bröta cera – Dialetto Bergamasco

Dighèt del bù?
A cura de Giulià Tudeschì

L’aspetto e le sembianze di una persona, nel dialetto bergamasco, si definiscono con il termine “céra”.
“Iga sö öna béla céra” o, al contrario “Iga sö öna bröta céra”, significa in realtà stare bene o palesare anche nell’aspetto un certo malessere. “E’ss zò de céra” o sentirsi dire “te gh’è prope mia öna buna céra” (Sei giù di cera o non hai proprio una buona cera) suona come un invito a farsi vedere dal medico.
D’altronde céra arriva dal francese chiere , derivato a sua volta dal greco kàra e dal latino medievale cara = volto.
Altro significato è quello che il termine assume nel detto che si riferisce alle buone maniere: “u piàt de buna céra l’ costa negòt”, anzi “a l’ vàl piö tànt ü piàt de buna cera che töce i pietànse de sto mònd” (un piatto di buona cera non costa niente, e vale di più che tutte le pietanze di questo mondo).
“Fa buna céra” o “bèla céra” significa essere cortesi e accogliere con gentilezza l’ospite.
Al contrario della protagonista del “Mazzolin di fiori” che il broncio al suo moretto lo canta così: “Stasera quando viene/ghè fo la bröta céra/ e perché lü sabato sera/ no l’è vegnü da mè…
Quando invece si dice di un soggetto: “chèl lé ‘l gh’à sö öna bröta céra” (quello ha una brutta cera) si intende una persona dall’aspetto poco raccomandabile, e allora céra viene sostituito con il più offensivo “ghégna”: “Al gh’à sö öna bröta ghégna” (ha una brutta ghegna), allora è meglio mantenere le dovute distanze…

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.