Avrìl – Aprile in dialetto Bergamasco

avrìl aprile in dialetto bergamasco

Aprile, il mondo si risveglia e bisogna essere svegli: chi non lo è, viene preso di mira dalle burle del “pès d’avril”. Era consuetudine far correre a cercare cose impossibili i malcapitati apostrofandoli con diversi modi di dire “ol prim d’avrìl a l’ fa còr i asègn sènsa saìl” (il primo aprile fa correre gli asini senza che se ne accorgano). In tema di animali, ma quelli veri, era atteso l’arrivo del cucco o cucù: “ol cöch a l’ dìs: al sèt de avrìl no ègne, al dersèt se pöde, al vintesèt sensa fàl” (il cucù dice: al sette di aprile non vengo, al diciassette se posso, al ventisette senza fallo), tornando al somaro:“in avrìl töcc i asegn i cambia ol pìl” (ad aprile tutti i somari cambiano il pelo). Essendo però il mese di aprile quello che, per l’andamento stagionale dell’agricoltura aveva un’importanza fondamentale, i detti al riguardo sono svariati: “in avrìl öna buna aquada la al piö d’öna ‘ngrassada” (in aprile un buon acquazzone vale più di una concimazione) e ancora “avrìl a ’l ghè n’à trènta, se ‘l pioerès gna trentü al farèss mal a nessü” (aprile ha trenta giorni, ma se piovesse anche per trentuno, non farebbe male a nessuno). Insomma, la natura fa il suo corso perché “de avrìl a l’ böta i piante a’ sènsa saìl” (ad aprile germogliano le piante anche senza volerlo).
Un famoso cantastorie bergamasco, detto il Merica, a proposito cantava: “L’avrìl e ‘l màs, i l’ la sà töcc/ l’è ‘l mìs che i canta a i asègn möcc/ e mé per chèl per no sbaglià/ ve fo sentì amò a cantà…/ Intàt che i piante i möv i böcc/ fiurì, bütì insèm con lure:/ de primaéra i è poche i ure” (Aprile e maggio, lo sanno tutti/, sono mesi che fanno cantare anche gli asini muti/ ed io, per non sbagliare/ vi faccio sentire ancora il mio cantare…/ Intanto che le piante mettono le prime gemme/ fiorite, sbocciate insieme a loro:/ sono poche le ore primaverili).

Cosa ne pensi?

commenti

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.